02 Mar

Intervista a Anthony Phillips, membro fondatore dei Genesis

Scritto da  |

Anthony Phillips è uno dei musicisti più apprezzati della scena prog rock fin dai tempi della sua militanza nei Genesis, dei quali è stato un membro fondatore e ogni sua release rappresenta un evento per moltissimi suoi ammiratori sparsi per il mondo.

Di recente il talentuoso chitarrista britannico ha ripubblicato uno dei suoi classici, Wise After the Event, nella modernissima versione 5.1 Surround Sound, dopo gli ottimi risultati ottenuti sempre in 5.1 da The Geese & The Ghost, il suo primo CD solista dopo l'abbandono dei Genesis...

 

SM: Anthony, tu sei noto principalmente per la tua attività solista. Ti è mai venuto in mente di mettere in piedi una band tutta tua?

 

AP: Ad una band vera e proprio no, non ci penso affatto. Dopo l'esperienza, soprattutto on the road, che ho avuto con i Genesis tanti anni fa, ho capito che stare in un gruppo non fa per me. Non che non mi piacerebbe lavorare con altri ma magari no full time. La cosa migliore è co-comporre con un solo collega per volta. Uno va bene, se in un progetto si coinvolgono più persone si finisce inevitabilmente per litigare.

 

SM: Uno dei musicisti con i quali hai avuto a che fare è Steve Hackett con il quale hai inciso tra l'altro Out of the Tunnel's Mouth. Com'è stata la tua esperienza con lui?

 

AP: E' stato tutto molto veloce. In realtà lui mi ha mandato delle tracks, due pezzi di cui uno registrato al computer con un microfono in un backstage in una mezz'oretta. Si è trattato di una collaborazione fra di noi molto semplice e divertente. Steve è un mio amico e non nego che non mi dispiacerebbe fare ancora qualcosa con lui se capitasse. Poi c'è Andrew Skeet con il quale collaboro per i miei lavori orchestrali quindi tanti compositori che di volta in volta sono stati mie guests anche per le musiche per le televisione.

 

SM: Sei in contatto con i tuoi fans. Comunichi con loro magari attraverso i social?

 

AP: In realtà non ho mia pagina personale su fb ma c'è la mia fan club site aperta a tutti i miei ammiratori e che viene gestita da un mio collaboratore di fiducia. Da lì mi mandano messaggi e lettere selezionate. Interagisco con i miei fans anche attraverso lo spazio delle questions and answers sul mio sito ufficiale. Comunicare con il pubblico attraverso i social è fantastico però senza esagerare, altrimenti non hai neanche più tempo per dedicarti alla musica.

 

SM: Cosa ti piace fare quando non lavori?

Ho moltissimi interessi. Mi piace lo sport, andare a mangiare fuori e stare in compagnia di amici e poi mi piace moltissimo andare al cinema. Sono stato contento che Leonardo di Caprio abbia vinto l'Oscar perchè ho visto The Revenant e la sua interpretazione è stata davvero brillante. Mi auguravo anche che, proprio come è stato, vincesse Spotlight come miglior film perchè mi era piaciuto tanto. Per quanto riguarda le colonne sonore invece ovviamente facevo il tifo per Ennio Morricone.

 

LEGGI ANCHE: PATRIZIA PELLEGRINO, EMOZIONI A TEATRO IN ALCAZAR

 

Letto 1238 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)
Susanna Marinelli

Giornalista pubblicista, iscritta all'ordine dei Giornalisti del Lazio e Molise dal 1989, nata e residente a Roma, inizia la propria attività sulla carta stampata collaborando con riviste musicali per teenagers di ampia diffusione come Cioè, Debby, Mattissimo quindi con il settimanale Magazine per il quale, insieme a sua sorella Patrizia, anche lei giornalista, cura la rubrica La Posta di Susy e Patty.

Appare come ospite in qualità di opinionista tra le altre nella trasmissione televisiva di RaiDue Mio Capitano e nella trasmissione radiofonica di Radio2Rai Radio2Time. Realizza servizi musicali in qualità di corrspondente in Inghilterra e Stati Uniti per il mensile tecnico Digital Audio Club. In tempi recenti inizia ad occuparsi di cinema, televisione, moda e bellezza collaborando con svariate riviste, alcune molto note del settore, quali Vip, Eva Tremila, la Rivista Ufficiale del Grande Fratello, i settimanali Adesso e Ora per i quali realizza servizi, inchieste, recensioni teatrali e cinematografiche ed interviste ai principali personaggi dello show business. Contemporaneamente continua a scrivere di musica e televisione sui mensili Ragazza Moderna e Top Girl. Parla fluentemente la lingua inglese.