21 Mag

Intervista alla giovane scrittrice Concesion Gioviale

Scritto da  |

In questa epoca di crisi ed incertezze, sappiamo ancora sognare? 


Abbiamo intervistato la giovane scrittrice romana Concesion Gioviale, autrice del libro per ragazzi "Prendi e Vai" e curatrice della pagina Facebook e del blog omonimo "La libreria degli esordienti", luogo di incontro di autori e scrittori emergenti.
D) Ciao Concesion. Ti ringraziamo per la disponibilità e per il tempo che dedicherai a quest'intervista . Parlaci un po' di te.
R) Grazie a voi. Dunque, sono nata nel 1981 a Roma anche se il mio nome potrebbe far pensare altro, infatti le origini sono spagnole poiché mia madre è di Siviglia. Per questa ragione molto spesso viaggio per andare a trovare la mia famiglia e durante la permanenza leggo e scrivo molto. Fino a poco tempo fa ero una persona molto arrendevole: pur essendo una persona sempre allegra, estroversa e vivace, fino a qualche anno fa ho rinunciato alle mie cose. Amo scrivere, è la mia passione, anzi no, è la mia vita. Fa parte di me, non posso farne a meno. Da quando ho dieci anni scrivo tutti i giorni, che siano annotazioni, diari, poesie o racconti, fa parte di me come un organo vitale senza il quale non potrei vivere. Amo sognare e ciò che sogno lo trasformo in parole e ciò che scrivo, oggi più che mai, ho scoperto che fa sognare anche altre persone e per questo che ho deciso che quello che ho sempre tenuto per me ora è il momento di farlo vedere anche agli altri.
D) Hai pubblicato un libro per ragazzi che si intitola "Prendi e vai, una band, un amore, un sogno...". Com'è nato questo racconto e di che cosa parla?
R) Ancora se ci penso non mi sembra vero ed ogni volta che ci penso ho un ricordo bellissimo che mi da' la carica e la forza di andare avanti. Prendi e Vai è nato per scherzo: volevo semplicemente ringraziare il cantante della band di cui parlo, i Biancostile, per essere stati un buon esempio di come possano essere realizzati i sogni, nonostante le cose non vadano per il verso giusto, almeno non sempre. Così su Facebook ho scritto il primo capitoletto parlando del futuro, di come immaginavo la band in un futuro non troppo lontano. Vincenzo ne è rimasto sbalordito e m'ha spronata a continuare, così come i miei lettori. E ne è venuto fuori un racconto vero e proprio che poi Sovera Edizioni ha deciso di pubblicare. Il libro parla di Sara, una ragazza con tanti sogni ma tutti irrealizzati a causa di questa sua fragile emotività che la porta a non deludere ed aiutare sempre gli altri dimenticando completamente se stessa. Poi, in un periodo nero della sua vita, incontra un suo vecchio compagno delle scuole medie che la coinvolge nelle avventure musicali sue e della sua band. Da qui la ragazza riscopre in primis il valore dell’amicizia poi scopre di avere dei sogni, scopre di poterli realizzare e, senza accorgersene, ne realizza forse più di uno. Cinque ragazzi diversi con cinque personalità diverse, ma con un unico sogno: la musica. Grazie a questi ragazzi riscopre la voglia di vivere, di vivere per un sogno e di vivere all’interno di esso, nonostante la vita a volte sia veramente dura. C’è anche una storia d’amore, ma non voglio dire troppo ...
D) In un'epoca di crisi economica e di incertezza, molti giovani stanno partendo per cercare un futuro fuori dall'Italia. Nel tuo libro "Prendi e vai" e nel tuo blog omonimo http://prendievai.blogspot.it/ parli dell'importanza dell' avere e coltivare i propri sogni, nonché della forza innovatrice dell'amicizia e dell'amore. Cosa ti sentiresti di dire a quei giovani che stanno perdendo la speranza in un futuro migliore o che hanno perso la capacità di sognare?

R) Io dico che fin quando hai nel petto l’ultimo respiro non dovresti mai arrenderti. Molti di noi si soffermano a pensare a quello che non hanno, perdendo di vista ciò che hanno. Io lo stavo facendo, ero troppo occupata a preoccuparmi del pensiero altrui tanto da sopprimere i miei sogni. Non bisogna mai arrendersi, ma tentare. Almeno ci provi, poi se non va, o insisti , se non ne puoi far a meno, oppure vai avanti per un’altra strada . La vita è un soffio, lo dico sempre, ed ogni giorno va vissuto al cento per cento. Secondo me il futuro non lo decide il paese in cui viviamo o le persone che ci circondano, lo decidiamo noi e punto. L’Italia è un paese con tante buone risorse ma che viene sottovalutato. Forse perché si è troppo occupati ad osservare i risultati altrui e cercare di capire il perché e il come di quei risultati, rimaniamo fermi e gli altri intanto vanno avanti. L'amicizia penso sia la cosa più importante che possa capitare nella vita di una persona: gli amici sono la famiglia che scegli ed è anche la famiglia più vera, quella senza obblighi di nessun tipo. Il libro è nato anche grazie all’amicizia che mi lega ai musicisti ed al cantante dei Biancostile. Si può dire che Prendi e Vai, anche se l’ho scritto io senza l'aiuto di nessuno, è il libro di tutti noi perché parla delle nostre passioni, di quanto possano essere dure e faticose ma di quanto durante il percorso possano anche darti l’opportunità di conoscere persone stupende che ti accompagneranno sempre.

 

prendi-e-vai-concesion-gioviale


D) Su Facebook hai creato un'interessante pagina che si chiama "La libreria degli esordienti" https://www.facebook.com/LaLibreriaDegliEsordienti un luogo virtuale di incontro di scrittori di ogni genere. Com'è nata questa pagina e quali sono i suoi scopi?

R) Sinceramente non pensavo avesse tanto seguito in poco tempo. Come dicevo prima, sono anche una lettrice e spesso mi è capitato di leggere romanzi e racconti di autori sconosciuti con un talento notevole, ma che, o perché non conoscono nessuno nel campo che li possa aiutare o perché troppo timidi per esporsi, rimangono nell’anonimato ed è veramente uno spreco. Ormai il modo migliore per farsi pubblicità è internet. Non avendo per ora la possibilità di aprire una libreria dedicata agli esordienti, ho deciso di aprirne una virtuale. L’ho fatto perché so cosa significa avere un sogno, so che è veramente dura portarlo a termine e so cosa significa essere sottovalutati solo perché non si conoscono le persone giuste e so anche, da lettrice, che spesso tendiamo a fidarci di un prodotto già testato piuttosto che un prodotto nuovo. Il mio obiettivo è farla conoscere a editori a caccia di talenti, autori con tanta voglia di fare ed esprimersi e a lettori che gradiscono le novità .
D) Quali progetti hai per il futuro? Hai dei sogni nel cassetto che vorresti condividere con chi leggerà questo sito?

R) Dal non averne nessuno, ora sono passata ad averne tantissimi. Sto terminando il sequel di Prendi e vai, ha un finale un po’ aperto, quindi era giusto darne seguito. Poi sto ultimando un racconto che parla di una ballerina invalida che con l’aiuto di nuovi amici e della musica tenterà di non rinunciare al suo sogno. Spero un giorno di poter aprire veramente una libreria/caffè aperta a tutti, dove le persone possano leggere, incontrarsi e sognare . Penso che ogni libro sia un viaggio gratuito che lo scrittore fa fare al lettore . E poi ... faccio una confessione ... io devo tanto a questi ragazzi , anche se a loro sembra di non aver fatto niente. Ognuno di loro ha dei progetti, a parte la band, e un paio di loro li ho nel cuore: Mirko Martini e Simone Corda, so che hanno dei sogni legati sempre alla musica e spero tanto che li realizzino. Ecco vedere i loro sogni realizzarsi è uno dei miei sogni principali e tutto quello che potrò fare per aiutarli lo farò. Come dico sempre la musica è come una droga ma che invece di morire ti fa vivere!

 

Potrebbe interessarti pure: La percezione del Lavoro tra i Giovani

 

Letto 5565 volte
Vota questo articolo
(14 Voti)
Mara Giglio

Nata in provincia di Milano nel 1977, Maturità Classica e Laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Milano. Ho maturato esperienze nel settore giornalistico e nel settore impiegatizio. In parallelo, mi occupo con passione dell'accudimento degli animali, in particolare dei cani. Da sempre affascinata da ogni espressione creativa, dalla danza alla musica passando per il cinema e la pittura, sono un'amante della poesia e della letteratura in ogni sua forma. Innamorata del mare e della natura, amo viaggiare, ho vortici nei capelli, occhi curiosi e colleziono attimi come se fossero pietre preziose. Ho pubblicato il libro di poesie e disegni "I segreti delle orchidee" e curo il blog dedicato alla poesia, alla cultura, all'arte, alla musica, alla natura e alla fotografia.

Sito web: isegretidelleorchidee.blogspot.com/