02 Mag

Ro.Ro.Ro racconti low-cost

Scritto da  Martina Pilati

Una storia sgangherata, due guerre mondiali, la censura nazionalsocialista ed un’emigrazione forzata in Brasile alle spalle. Nonostante tutto, la famiglia Rowohlt non si lasciò sopraffare dagli ostacoli, tantochè nel 1945 tornò nella sua terra natia, la Germania, e rifondò la casa editrice che era stata costretta a chiudere.

In uno scenario provato dagli eventi ed indebolito dal potere, la Rowohlt Verlag trovò il modo di restituire alla gente l’ottimismo e la libertà di pensiero che le erano stati strappati dalla violenza della guerra. Un viaggio negli USA aveva, infatti, ispirato l’allora primogenito Rowohlt; avrebbe utilizzato un metodo di stampa a basso costo ed a larga diffusione: la rotativa del comune quotidiano, sostituendo ai contenuti tradizionali, romanzi e racconti di scrittori affermati ed emergenti.

 

 

Un modo semplice per rendere la cultura accessibile a tutti: i Ro.Ro.Ro. (Rowohlt Rotations Romane).

A distanza di decenni, in un’epoca di stallo ed incertezza, Edizioni Clichy, casa editrice fiorentina, decide di dare nuovamente vita a questi tascabili di altri tempi e far rivivere con essi il piacere della lettura ai giorni nostri.

Basterà un solo euro per poter apprezzare i grandi classici della letteratura. 

Non resta che aspettare l’otto maggio!

 

Potrebbe interessarti pure: Il nuovo trend editoriale: l'autopubblicazione deli libri

 

Letto 2882 volte Ultima modifica il Giovedì, 02 Maggio 2013 18:00
Vota questo articolo
(2 Voti)