Potremmo definirlo un vero e proprio allarme quello che proviene dall'Associazione matrimonialisti italiani che ha fatto sapere che: "Il 30% delle coppie sposate da almeno 15 anni non fa attività sessuale. Il fenomeno sarebbe ancora più grave nelle coppie sposate da più di 30 anni (circa il 50%) e nel 70% dei casi sarebbe l’uomo a rifiutare il sesso". Nella maggior parte dei casi si tratta di persone alquanto giovani che decidono volontariamente di rinunciare al sesso, scegliendo di vivere quasi come se fossero fratello e sorella. 

Il presidente dell’Ami, l’avvocato Gian Ettore Gassani, afferma che le cause di ciò possono essere diverse e di varia natura:
 
"È possibile affermare che nel 60% dei casi la colpa del venir meno degli impulsi sessuali è di una invincibile routine. Nel 20% dei casi, invece, ricorrono vere e proprie patologie che possono essere curate con apposite terapie farmacologiche".
 
E voi amiche, cosa ne pensate? Diteci la vostra.
 

Tutte noi immaginiamo il giorno del nostro matrimonio. Quello che, a detta di tutti coloro che lo hanno vissuto, dovrebbe essere il giorno più bello della nostra vita. Noi che, indossiamo il più bello degli abiti bianchi e ci dirigiamo dritte all'altare verso l'uomo che amiamo e con il quale vogliamo trascorrere il resto della nostra vita. Bisogna dire che, però, ad emozionarci non siamo di certo solo noi donne ma anche i nostri adorati maschietti che, spesso, dinanzi alla propria amata in abito bianco si sciolgono in preda alle lacrime di pura felicità e commozione.

 
Dopo avervi mostrato le foto di fidanzamento più improbabili, guardiamo dunque, nelle foto che seguono, alcune delle più belle e commoventi reazioni degli sposi dinanzi alla propria donna che si presenta ad essi in abito bianco, pronte al coronamento del più bello dei sogni d'amore. In fondo, nell'attesa del nostro momento, possiamo ben pensare di sognare e guardare quello che è puro amore negli occhi e negli sguardi di uomini che altro non attendono di darsi alla vita con la propria amata.
 
D'altronde, come si dice anche nel film "27 notti in bianco": "Sai quando inizia la musica e la sposa fa il suo ingresso trionfale e tutti si voltano a guardarla? Io guardo lo sposo, il puro amore è lì!" 
 

Al giorno d'oggi sono tanti i segreti che consentono di avere un matrimonio lungo e felice. Quel che andrebbe capito è che il matrimonio richiede un lavoro ed una lotta costante per la comprensione e la felicità reciproca. Siate pronti ad affrontare la realtà della vostra unione, facendo tutto il possibile per mantenere vivi l'amore, la passione e l'amicizia a prescindere di tutti i possibili problemi. Vediamo, dunque, insieme quali possono essere i segreti da conoscere per avere maggiori possibilità di superare le difficoltà di una vita familiare.

Non ci sono tendenze,per designare un matrimonio. Ci sono gusto,stagionalità dei fiori e colori, ma soprattutto desideri. Il desiderio di creare un evento carico d identità…LA NOSTRA! Mantenendo un fil rouge chiaro, con i vari passaggi della nostra storia ,evitando cosi di omologarci alla moda del presente,presto passato. Si tratta di allestire il palcoscenico della nostra storia d amore ,che sia intimo o scenografico non importa..ciò che conta è far sentire ciascun invitato parte del romanzo. Non semplici comparse, ma farli avvalere di veri e propri cammei .

Delineare la nostra guida rossa con petali,candele e commenti..perchè bene o male purchè se ne parli no?! Allora facciamoli parlare di noi e facciamoli commuovere, perché ci vogliono bene e perché ci hanno visto litigare e crescere fino ad arrivare qui. Davanti all altare a giurarci fedeltà e rispetto. Due volti fondamentali dell amore,lo stesso che ci ha fatto scegliere il nostro uomo a volte negligente nei preparativi ,ma sempre innamorato della sua sposa.

Noi invece d altro canto con il nostro alverare di amiche e parenti tendiamo involontariamente a mettere nell ‘ombra la nostra dolce metà. Ma non è colpa di nessuno se il giorno è importante e la tensione è alle stelle.. Occorre solo tenere a mente poche cose ,ma fondamentali per rendevi sereni all alba del Si”. Ecco perché avere delle piccole attenzione per il proprio partner, anche pochi istanti prima del grande momento , aiuterà a tenere ben saldi i nervi.

mood si

1-WEDDING DIARY

Un consiglio molto sentito è far recapitare a poche ore dal matrimonio, un mini diario al rispettivo compagno ,in cui avete raccolto aneddoti e sensazioni del vostro percorso, della vostra vita insieme. Una collezione di ricordi che vi permetterà di affrontare l ansia che vi assalirà durante l attesa. Quell'attesa snervante che anticipa l incontro dei vostri sguardi ,pronti a sorreggersi ,fra tanti. Un gesto delicato ,che non solo vi conforterà e rassicurerà, ma vi farà sentire vicini nella momentanea distanza della preparazione.

 

mood del sii

 

2-“GRAZIE”

Sappiate ringraziare perché dopo il “ti amo”,”grazie” è la parola più potente che all interno delle dinamiche di una coppia, simboleggia rispetto e valore.

3-RIDERE OLTRE CHE SORRIDERE

Non perdete mai di vista l IRONIA,non abbiate paura di prendervi in giro,anche all altare dopo il complimento, la battuta vi strapperà quel sorriso naturale che sarà fonte di passione per il resto della vita.

Ma ora mettiamo tutti alla porta,perché è il nostro giorno e dobbiamo andarcene insieme,

verso un viaggio che ci metterà alla prova ,ma che ci darà grandi soddisfazioni .

 

Una storia a dir poco incredibile di cui ci arriva notizia dal Brasile. Adriana ha 39 anni. Abbandonata alla nascita e cresciuta in una famiglia che non era la sua, credeva finalmente di essersi lasciata i problemi alle spalle, riuscendo a sposare l'uomo che ama. Il destino beffardo ha voluto che, una volta rintracciata la madre biologica, la donna scoprisse che l'uomo che ama in realtà è suo fratello Leandro, 37 anni. I due sono sposati ormai da 7 anni ed hanno una figlia di 6 anni. Nel corso degli anni, i due sposi hanno cercato di rintracciare le rispettive madri, che si chiamano entrambe Maria e che avevano abbandonato i propri figli quando questi erano ancora bambini. Mai, i 2 avrebbero potuto immaginare che la madre fosse però la stessa. Adriana, che fa la commessa, non vedeva sua madre da quando, mentre lei aveva solo 1 anno di età, se n'era andata via di casa lasciandola a suo padre.