Taylon ha 11 anni e un tumore inoperabile al cervello. Il suo sogno è da sempre stato quello di ballare e cantare sul palco con la splendida Beyoncé. Questo suo desiderio finalmente è diventato realtà grazie all'impegno della fondazione Make a Wish, che nel corso del 2013 ha realizzato oltre 14mila desideri.

  

L'ultimo desiderio della bimba malata si è finalmente realizzato la settimana scorsa, durante il concerto di Beyoncé a Las Vegas. Il tutto si è rivelato un'autentica sorpresa. Taylon infatti era all'oscuro di tutto. Beyoncè l'ha raggiunta sul palco e le ha dato un bacio. L'incontro con la ragazzina, a cui manca una gamba ed è per questo costretta su una sedia a rotelle, è avvenuto sulle note della canzone Survivor. L'11enne non ha retto all'emozione ed è scoppiata in lacrime, ma poi, con tutte le sue forze, si è alzata, ballando con la cantante sul palco dinanzi a migliaia di persone. 

 

Ecco il video:

 

 

 

Una vendetta da brividi quella che ha inteso realizzare Torz Reynolds, giovane donna di 26 anni, dopo aver scoperto che il fidanzato la tradiva con un'altra donna. La giovane ha deciso di tagliarsi il pezzo di pelle sul quale era impresso il tatuaggio con il nome del ragazzo, spedendogli il pezzo di pelle incriminato. 

 

 

La ragazza, sconvolta, non era più in grado di aspettare neppure i tempi necessari per rimuovere il tatuaggio con il laser e così ha deciso di usare le pinzette per tirare fuori la pelle dal braccio e, dopo aver tagliato la pelle, ha realizzato un pacchetto regalo e glielo ha spedito. Così ha usato le pinzette per tirare la pelle fuori dal braccio, poi ha preparato un pacchetto formato regalo e glielo ha spedito.

Torz pensava che quello che ora è il suo fidanzato fosse partito per inseguire il suo lavoro di sogno in Alaska, negli Stati Uniti. Invece ha deviato per l'Essex, andando a convivere con una donna con la quale aveva avuto una relazione nel corso degli ultimi 6 mesi.
 
La notizia ha fatto il giro del mondo, mentre la donna ha raccontato al Daily Mail

"Ho confezionato il pacchetto in modo che sembrasse un regalo. Alla fine è solo pelle e crescerà di nuovo". 
 

 

Una storia scioccante di cui ci giunge notizia dalla lontana Argentina. Parliamo di una ragazzina di 15 anni di Buenos Aires che, per ben 9 anni, è stata segregata in un garage e nel corso dei quali ha subito diverse violenze, abusi e soprusi. Finalmente la polizia ha fatto irruzione nella casa di una coppia di 40 anni, seguaci del culto della "Santa Morte", liberando la ragazzina che si trovava presso la coppia in custodia temporanea dal 2001.

 
Si è scoperto che la ragazzina, del peso di soli 20 chili, veniva alimentata solo con acqua, pane e lievito di birra, mentre sul corpo e sul viso impossibile non vedere i segni delle sofferenze e delle violenze subite. La coppia è stata arrestata e i due coniugi dovranno rispondere dei reati di riduzione in schiavitù e servitù, privazione illegale della libertà e lesioni gravi. 
 

 

Care amiche, a 29 anni siamo più che belle e cresciute, eppure c'è chi non riesce a stare senza i suoi peluche di Hello Kitty. Parliamo di Natasha Goldsworth, una  giovane donna che ha una vera e propria dipendenza che l'ha portata, nell'arco di circa 15 anni, ad accumulare ben 10 mila pupazzi della simpatica micetta.
 
kitty 2
 
Non solo pupazzi a tema Hello Kitty, ma anche gioielli, mobili, stoviglie, vestiti, il tutto arrivando a spendere ben 62mila euro. Spesso la sua casa, piena di tali oggetti, ha messo a disagio gli uomini che ha frequentato, ma lei ribadisce convinta: "Chi non ama Kitty non mi interessa".
 

Una notizia a dir poco raccapricciante che giunge a noi da Londra. Un uomo, Matthew Williams, è stato sorpreso a mangiare i bulbi oculari di una giovane donna che aveva appena ucciso in una camera d'albergo. Williams è stato ucciso a sua volta da un taser della polizia dopo essere stato trovato dagli agenti mentre "banchettava" con il cadavere della ragazza nella citata stanza d'albergo.

L'uomo, sentendo bussare alla porta, si è rifiutato di aprire agli agenti e hanno sfondato l'uscio con la forza. La vittima è una giovane di 22 anni che è morta a causa dei troppi colpi subiti. Il cannibale l'avrebbe adescata con una scusa e portata nell'albergo dove ha poi avuto luogo il delitto. Gli agenti hanno riferito di aver visto il killer mentre mangiava il volto della 22enne di aver usato il taser poiché mostrava un comportamento estremamente aggressivo.