Fare shopping è sicuramente una delle nostre attività preferite, inutile negarlo. Occorre però prestare molta attenzione. In primis perché l'utilizzo della carta di credito potrebbe un po' disorientarci e farci spendere anche più del dovuto, in preda alla frenesia dell'acquisto (soprattutto in periodo pre-natalizio). Senza contare, inoltre, i diversi store online che ci permettono di acquistare ogni genere di cosa in ogni angolo sperduto del mondo. 

 

 

Con un semplice click è possibile fare un acquisto. Il tutto anche grazie ad una serie di applicazioni specifiche a portata di tablet o di telefonino. Scopriamone alcune indispensabili per portarci a casa capi di abbigliamento e accessori decisamente alla moda e fashion.

 

 

Vente Privee: si tratta di un ottimo specializzato in marchi esclusivi di abbigliamento e articoli per la casa, sebbene sia ancora poco utilizzato in Italia. 

MyTheresa:  L'app è dedicata alla vendita di abbigliamento e di accessori di lusso che sono stati realizzati da ben 160 stilisti di fama internazionale.

Asos: per acquistare regali e capi bon ton come quelli di Kate Middleton.

Zalando: un'app davvero semplice e intuitiva per un sito che offre scarpe e abiti a prezzi davvero ottimali e per tutte le tasche.

ebay Fashion: si tratta della sezione dedicata alla moda del sito di aste online più grande del mondo. Facendo attenzione alle limitazioni troverete bellissimi abiti nuovi e usati. 

Yoox: Tutti i più grandi brand utilizzano questo canale per vendere i loro migliori prodotti a prezzi competitivi e con consegna garantita.

Privalia: griffe di maggior tendenza a prezzi competitivi.

Showroomprive: un'ottima app per trovare articoli di diverso genere (abbigliamento, make-up, biancheria intima e per la casa, oggettistica e così via) a prezzi stracciati come solo un outlet può fornire. 

 

 

È risaputo che molti prodotti per corpo e viso di molti brand anche famosi, contengono al loro interno tantissime sostanze nocive, prodotti che ignorandone il “pericolo” abbiamo utilizzato per molti anni. Ma negli ultimi mesi si è assistito ad una svolta, dettata dai tanti video e articoli che girano sul web che non solo ci mettono in guardia rispetto a questi prodotti ma ci consigliano rimedi naturali e prodotti da supermercato con INCI accettabili o completamente verdi.

 

app

 

Molte di noi però non sono delle vere esperte a riguardo, e dunque risulta difficile capire se gli INCI di quel prodotto che vorremmo acquistare sia accettabile o meno!

A tal proposito oggi vi parlerò, di una APP utilissima, si tratta di BIOTIFUL. Questa app ci permette di ricercare i prodotti che si intendono acquistare o che abbiamo già in casa per scoprire questi cosa contengano al loro interno.

 

 

bio1

 

Per Esempio, ricerchiamo un prodotto a caso:

bio2

 

Il prodotto ricercato, contiene il prezzo orientativo, la quantità del prodotto e eventualmente anche il numero del codice a barre. Inoltre ogni prodotto, in base ai suoi ingredienti viene valutato dal programma stesso attraverso le foglioline che vedete nell’immagine e finalmente sotto tutti gli ingredienti, affiancarti da un pallino verde con foglia, verde, giallo, rosso, oppure nero con teschio.

 

bio3

L’APP contiene inoltre un rilevatore di codice a Barre, il “biolettore”, il quale funziona attraverso la fotocamera del vostro smartphone, che rileva il codice collegato al prodotto che stavate cercando.

 

bio4

Infine se non avrete trovato il prodotto desiderato, potrete sempre aggiungerlo e questo sarà automaticamente e istantaneamente inserito direttamente nel database dell’applicazione, cosi che potrete controllare al momento l’INCI del vostro prodotto.

 

bio5

Un’APP molto utile, soprattutto per noi inesperte, da scaricare assolutamente! E voi cosa ne pensate di questa APP?

 

E se la bambola più amata di tutti i tempi avesse qualche chilo di troppo cosa fare? Bisogna correre ai ripari e far fare alla bella e bionda Barbie, idolo di milioni di bambine in tutto il mondo, una bella liposuzione. Questo è quello che si proponeva di fare un'app messa in vendita su iTunes Store e Google Play.

 

 

L'app Plastic Surgery & Plastic Doctor & Plastic Hospital Office for Barbie era stata ideata per bambini dai 9 anni e chiedeva di rimuovere chirurgicamente il grasso in eccesso della bionda bambolina. Il gioco è stato però ritirato dal commercio in seguito alle proteste dell'associazione femminista Everyday Sexism, che ha ricevuto larghe condivisioni soprattutto via Twitter. 

 

 

Il professor Riccardo Mazzola, presidente della SICPRE, Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica ha dichiarato: "Non entro nel merito della valenza educativa del gioco, ma trovo la notizia emblematica della grande e controversa attenzione al concetto di bellezza tipica dei nostri anni. Evidentemente chi ha progettato il gioco ha considerato che il concetto di bellezza e quello di chirurgia plastica fossero in qualche modo già acquisiti nell’infanzia".

 

Mazzola, alla guida di una Società che raduna l’80% dei chirurghi plastici  italiani ha poi aggiunto. 

 

I peggiori nemici della nostra Specialità sono la sua estremizzazione e la cattiva informazione di cui spesso soffre: la chirurgia plastica non è una cosa da fanatici, né da scegliere senza pensarci. Affrontarla come un gioco può portare a prenderla un po’ troppo alla leggera, un atteggiamento all’origine dei peggiori guai. I casi di chirurgia plastica disastrosa, infatti, sono nella stragrande maggioranza dei casi originati da scelte superficiali e scarsa consapevolezza”. 

 

 

Siete timidi ma avete tanta voglia di trovare l'amore, quello vero (o quasi)? La tecnologia fa passi da gigante e anche in tema di relazioni sentimentali nascono app che voglionoa aiutare i più impacciati a trovare la propria anima gemella. Tra queste, emerge sicuramente Bside, un'app creata apposta per le persone più insicure e timide che, nella vita reale, non riescono ad approcciare con scioltezza all'altro sesso e a rompere il ghiaccio. 

 

Grazie a questa applicazione, scaricabile sul sito www.bsideapplication.com e idetata da Gianluca Caliari, gli utenti possono iniziare una conoscenza usando semplicemente il proprio smartphone. L'approccio, infatti, parte dichiarando il proprio interesse verso un'altra persona (o più persone) con la quale si cerca di approfondire la conoscenza e scandirne, per quel che si può, i lati caratteriali. 

 

La conoscenza è portata avanti in totale anonimato: l'app, infatti, invierà richieste agli altri utenti solo se tale richiesta risulta corrisposta anche dall'altro. Una volta stabilita la connessione, si può iniziare a comunicare attraverso il servizio di chat. Più richieste si ricevono, più aumenta il proprio livello di popolarità, che sarà visibile e condivisibile via Facebook. 

 

 

 

Quante volte ci accorgiamo di aver ricevuto un messaggio su WhatsApp, grazie all'avviso pop-up, e non vogliamo aprirlo per non far capire al nostro contatto di aver letto ciò che ci ha scritto? Sia che usiate uno smartphone Android che un iPhone con iOS, sappiate che potete disabilitare la funzione "visualizzato alle..." all'interno delle conversazioni effettuate mediante la popolare app gratuita di instant messaging. Ecco la procedura da effettuare sul vostro cellulare.

 

ANDROID: prima di leggere il messaggio, impostate il vostro smartphone sulla modalità aereo, semplicemente scegliendo ON. Dopo aver messo in atto questo passaggio, leggete il messaggio che avete ricevuto e, poi, reimpostate la modalità aereo su OFF. In questo modo, l'app non permetterà all'utente che vi ha scritto di capire se avete letto meno il messaggio, in quanto non comparirà il "visualizzato alle..."

 

iOS: se avete tra le mani un iPhone, recatevi in Impostazioni Chat > Avanzate e, da qui, disabilitate la funzione Data e Ora