Ebbene si, ammettiamolo, tutte esigiamo la pefezione da noi stesse: sia che ce ne sia davvero bisogno (per chi ha qualche chiletto di troppo) sia per chi non ne avrebbe bisogno.

Il mondo ci giudica e noi permettiamo che ciò accada, andando a minare la percezione di noi stesse.

Questa profonda riflessione sociologica su come la mente umana venga condizionata e plasmata da ciò che il mondo esterno ci comunica con messaggi subliminari o meno (concedetemi 30 secondi per riprendere fiato: non è facile dattilografare un pensiero così imponente che nasce al momento respirando anche) scaturisce dalla lettura di una nuova ricerca medica.

In Belgio un team di medici dell’Università di Loviano ha scoperto la capacità di un batterio, nello specifico “Akkermansia muciniphila”, che ha le capacità di ridurre l’assorbimento del cibo.

“Miracolo!” alcune di noi penseranno, innalzando le mani al cielo. 

Ma in che modo agisce? Il batterio modifica la struttura che avvolge l'intestino, aumentandone lo spessore, riuscendo così ad allontanare il cibo dai villi intestinali che assorbono le sostanze nutrienti. In un'analisi su modello murino, i ricercatori hanno dimostrato che il consumo di un brodo contenente il batterio ha ridotto il grado di obesità delle cavie e la loro resistenza all'insulina.

 

 

Sicuramente tale scoperta risponderà alle richieste di aiuto di persone affette da obesità, le quali necessitano di qualsiasi tipo di supporto, che sia di tipo medico, scientifico o psicologico, per affrontare questo intenso e a volte difficoltoso cammino verso una vita migliore.

Mi sento però di sottolineare che migliore è da intendersi non come magro e quindi bello, ma come salute, aspettative di vita incoraggianti.

Per combattere quindi la vocina maligna che di fronte allo specchio, anche se non è vero, siamo grasse e imperfette apprestiamoci ad avere delle piccole accortezze, a contenere i peccatucci di gola, a fare magari più sport e attività fisica (soprattutto con l’arrivo – si spera – della bella stagione).

Basta poco per amarsi.

Amatevi.

 

Potrebbe interessarti anche: Storia di un'anoressica

 

Letto 3535 volte Ultima modifica il Mercoledì, 15 Maggio 2013 17:28
Vota questo articolo
(4 Voti)
Francesca del Monaco

Neo laureata in giornalismo, ancora incerta sul mio futuro, desiderosa di tutto.

Visitare il mondo, viaggiare per un anno intero, coltivare le mie passioni, acquistare centinaia di scarpe e borse da conservare in una cabina armadio all'altezza di Carrie Bradshaw, smettere di fumare, avere una love story con una rock star, fare un corso di fotografia, imparare a cantare (per la gioia di chi assiste alle mie performance canore), tatuarmi dappertutto, scrivere un libro…

E questo è solo l’inizio della mia lunga lista.