12 Mar

Vento nuovo per i cosmetici. In vigore il divieto di sperimentazione su animali

Scritto da  |

Per i prodotti di bellezza venduti nell’Unione Europea, l’11 marzo, è una data storica. Per un duplice motivo. Il nuovo regolamento europeo sui cosmetici prevede infatti da un lato il divieto di sperimentazione sugli animali in tutte le fasi di produzione nonché l’importazione di materie prime e di ingredienti testati su animali fuori dall’Unione Europea e, dall’altro, introduce l’obbligo per le case produttrici di fornire ai consumatori una maggiore trasparenza. 

divieto-test-su-animali

In particolar modo, le aziende da ora in poi dovranno comunicare alla Commissione europea l’eventuale impiego di nanomateriali nei propri prodotti prima della loro immissione sul mercato ed indicarli in etichetta. Ciò va ad ulteriore garanzia del consumatore poiché essi sono nanostrutture che non svolgono alcuna azione biologica sulla pelle. Il legislatore europeo è finalmente intervenuto dopo decenni di lotte da parte delle associazioni animaliste ma anche in seguito alla sempre più crescente pressione da parte dei consumatori. Un evento questo che non poteva passare in sordina.

 

Vivisezione: una pratica giusta?

 

Letto 3410 volte Ultima modifica il Mercoledì, 13 Marzo 2013 10:40
Vota questo articolo
(1 Vota)
Elisa Santurri

Donna e, in quanto tale, una e centomila. Moglie, madre, lavoratrice fuori e dentro le mura domestiche, sono un’inseguitrice di sogni con il pallino della scrittura da sempre. Appena messa in tasca la laurea in Scienze Politiche, mi sono ritrovata a scrivere di Cronaca nello storico quotidiano romano Paese Sera e da allora, pubblicamente o per il mio privato godimento non ho mai smesso di scrivere. Ho scritto in diverse forme e per gli argomenti più disparati. Per molti anni, essendo la mia professione principale quella di traduttrice, ho scritto in francese. Nel 2008, dopo essermi diplomata Sommelier, mi si sono aperte le porte del magnifico mondo dei vini e del cibo di qualità. Da un anno e mezzo collaboro per AROMA, la rivista gourmet della Capitale.

Sito web: www.aromaweb.it