12 Mar

L'amicizia e i social network

Scritto da  |

Social network, diavolo ed acqua santa dei nostri tempi. Bistrattati o idolatrati, sono lì, oramai, incuneati nella nostra vita, insinuati nelle nostre forme di pensiero, capaci di condizionare i nostri comportamenti quotidiani. E, se da un lato si sbandiera in ogni dove il diritto alla privacy, si legifera in difesa di quest’ultima, si stampano migliaia e migliaia di fogli a sua garanzia (ma non si dovevano ridurre le emissioni cartacee in difesa della Natura?), dall’altro, ci precipitiamo a raccontare i fatti nostri e di coloro che ci circondano.

Tutti, inclusi cani e gatti di casa, hanno un profilo su Facebook. Apparire, apparire, apparire a tutti i costi nell’affanno della rivendicazione di sé. Per alcuni un’ossessione. E allora capita che ancora non abbiamo preso il caffè del risveglio e già twittiamo il buongiorno ad una platea di sconosciuti.

 

 

Mi sono ritrovata iscritta a Facebook nel 2008 senza esserne consapevole. Giuro. Ho risposto ad un messaggio ricevuto al mio indirizzo di posta elettronica inviato da un mio ex filarino adolescenziale conosciuto sul treno mentre andavo a trovare una mia cara amica livornese. Io romana, lui sardo. Un rapporto innocente, che si nutriva di lettere e cartoline e forse di un paio di incontri in tutto.

A quei tempi, erano gli anni a cavallo tra i 70' e gli 80' funzionava così. Ma tanto è bastato. Mi sono sentita lusingata dal ricordo rinnovato e in un batter d’occhio, eccomi nel clan universale di Facebook. Nella totale inconsapevolezza del suo funzionamento. Oggi è parte di me. Grazie ad un clic ho ritrovato amici persi nel corso degli anni. Ho manifestato il mio dissenso. Ho condiviso le mie gioie. Ho pubblicizzato la mia passione per il buon cibo e il buon bere. Qualche giorno fa ho ritrovato un compagno di università che non vedevo da… troppi anni e con il quale c’è stato un rapporto di grandissima amicizia. Ma di questo parlerò la prossima volta.

E tu? Chi hai rincontrato grazie ai social network?

 

Potrebbe interessarti anche: Dimmi che foto profilo hai e ti dirò chi sei

 

Letto 3482 volte Ultima modifica il Giovedì, 14 Marzo 2013 11:58
Vota questo articolo
(3 Voti)
Elisa Santurri

Donna e, in quanto tale, una e centomila. Moglie, madre, lavoratrice fuori e dentro le mura domestiche, sono un’inseguitrice di sogni con il pallino della scrittura da sempre. Appena messa in tasca la laurea in Scienze Politiche, mi sono ritrovata a scrivere di Cronaca nello storico quotidiano romano Paese Sera e da allora, pubblicamente o per il mio privato godimento non ho mai smesso di scrivere. Ho scritto in diverse forme e per gli argomenti più disparati. Per molti anni, essendo la mia professione principale quella di traduttrice, ho scritto in francese. Nel 2008, dopo essermi diplomata Sommelier, mi si sono aperte le porte del magnifico mondo dei vini e del cibo di qualità. Da un anno e mezzo collaboro per AROMA, la rivista gourmet della Capitale.

Sito web: https://www.aromaweb.it