04 Feb

La crisi dell'università italiana

Scritto da  |

Diminuiscono fondi, corsi di laurea e studenti 

È l'allarme lanciato dal Cun (Consiglio universitario nazionale) che ha diffuso un documento da cui risulta che in dieci anni gli immatricolati sono scesi da 338.482 (anno accademico 2003/2004) a 280.144 (anno 2011/2012), con un calo di 58.000 studenti, pari al 17% in meno. Insomma come un’enorme paese intero scomparso nel nulla a causa dei mille tagli. Il degrado, infatti, è dovuto anche alle risorse d’ausilio economiche, fornite agli studenti negli anni passati, che scarseggiano sempre più. Nel 2009 i fondi nazionali coprivano l'84% degli studenti aventi diritto, nel 2011 il 75%. Il 25% dei ragazzi quindi è rimasto fuori. La spesa per il diritto allo studio ha subito un andamento contrario a ogni dichiarazione di principio. Diminuita drasticamente anche l'offerta formativa degli atenei: in sei anni sono stati eliminati 1.195 corsi di laurea. Quest'anno (2012/2013) sono scomparsi 84 corsi di laurea triennali e 28 corsi specialistici/magistrali (biennali).
Per quanto concerne il numero di laureati: soltanto il 19% dei 30-34enni hanno una laurea, mentre la media europea è del 30%, il 33,6% degli iscritti è fuori corso e il 17,3% non sostiene esami.
Un’ulteriore nota dolente, si aggiunge quindi, sulle pagine che racconteranno la storia d’oggi, domani. Una scarsa motivazione allo studio, a credere che i libri possano garantire un lavoro prossimo ai giovani, alberga nelle menti di milioni di ragazzi che sono costretti a fare i conti con la realtà che tutti noi viviamo.

 

crisi-università


I sogni di conoscenza e di una meritocrazia giusta che premi i sacrifici di chi sceglie di studiare per assicurarsi da vivere, vengono sgretolati da un raziocino amaro che ci apre gli occhi e sbarra il cammino. La colpa sicuramente và attribuita ad una scarsa organizzazione dell’amministrazione universitaria.
Il mondo del lavoro, in ginocchio negli ultimi anni, dovrebbe stipulare dei corsi di formazione e dei tirocini,(non solo per 150 o 300 ore in tre anni, parlando delle lauree triennali) con gli atenei universitari, per far modo che, l’esperienza frutti positivamente nella classica teoria fin troppo libresca della realtà odierna universitaria. La manifattura, di conseguenza, il guadagno delle imprese possa riprendersi usufruendo di personalità giovani e spinte positivamente nel mondo del lavoro. Un guadagno “in todo” in effetti, per i discenti con l’acquisizione di C.F.U (crediti formativi universitari) che s’accumulano fino al raggiungimento della laurea e per il lavoro che con poche risorse economiche riesce a produrre in modo più veloce ed efficace.
E allora perché non interagire insieme, nel sogno di un’Italia migliore, non facendo si di creare una decadenza continua, in un baratro troppo profondo da risalire?


Letto 3195 volte Ultima modifica il Lunedì, 04 Febbraio 2013 11:42
Vota questo articolo
(3 Voti)
Chiara Ambroselli

Amo la dinamicità, il sorriso curativo delle persone, ma più di tutto adoro quell'impeto magico che mi travolge l'anima quando incomincio a scrivere. 

Ho amato la scrittura e la letteratura, da quando ho scoperto, cosa l'inchiostro di una biro potesse comporre su un foglio bianco. 

Mia madre racconta che da piccola ho parlato e camminato tardi, io sostengo che fomentavo il lungo cammino, da condurre e cosa scrivere sul diario di bordo.

Il merito d'aver avuto coraggio nel cimentarmi nella scrittura, lo devo a mia madre, che non ha mai smesso di ripermi, che avevo delle qualità nascoste, non smetterò mai di ringraziarla.

Amo leggere e scambiare opinioni su qualsivoglia argomento. Credo che la bellezza del giornalismo stia nel riportare, durante gli articoli, la voce delle persone e le reali problematiche, della gente che scende in piazza.

Mi auguro che i miei articoli possano piacere a tutti indipendentemente dal sesso o dall'età.

Grazie comunque per ogni condivisione e replica costruttiva al mio personalissimo pensiero, contenuto in ogni articolo.

Auguro a tutti buona lettura

Sito web: twitter.com/Chiarettayubi