23 Gen

Barba, i 5 motivi per averla

Scritto da  |

Molti uomini, spesso, sono indecisi in quanto al tema barba. C'è chi preferisce rasarsi tutti i giorni (o giù di lì) e avere quindi una barba cortissima, chi invece preferisce averla lunga. Eppure, a prescindere dal look ci sono almeno 5 validi motivi validi che dovrebbero spingere gli ometti a farsi crescere la barba.

1. Protegge il viso dai raggi del sole. La barba, infatti, proteggendo la pelle dal sole, la difende al contempo da molte malattie come il cancro. I ricercatori della University of Southern Queensland ritengono che le parti del viso coperte da barba e baffi sono esposte al sole in maniera minore rispetto a quelle scoperte. Nel dettaglio, gli esperti ritengono che le parti del volto coperte da barba e baffi hanno un’esposizione ai raggi UV che sono considerati dannosi inferiore di un terzo rispetto ad altre zone del viso.

2. Prevenire attacchi di asma. Carol Walzer, esperta del Birmingham Trichology Centre, ritiene che la barba impedisca gli attacchi d'asma, poiché impedisce agli allergenti di raggiungere i polmoni per via aerea.

3. La barba mantiene giovane la pelle del viso. Ciò accade perché la barba trattiene l'acqua e garantisce una idratazione sempre costante.

4. Ripara da malattie dovute al raffreddamento. Barba e baffi aiutano a combattere la tosse, in quanto una spessa peluria sul collo e sotto il mento servono a riscaldare la parte suddetta aiutando così a tossire di meno e a combattere raffreddori e mal di gola.

5. Previene eritemi ed infezioni della pelle. La barba previene le eruzioni cutanee, spesso causate dalla rasatura, secondo quanto detto dal dottore Martin Wade, esperto della London Skin and Hair Clinic.

 

LEGGI ANCHE -> COME RADERSI LA BARBA E I BAFFI NEL MODO GIUSTO

 

Letto 2977 volte Ultima modifica il Lunedì, 19 Gennaio 2015 13:50
Vota questo articolo
(2 Voti)
Simona Vitale

Nata a Napoli nel 1982, amo la cultura, la legge e il giornalismo. Laureanda in Giurisprudenza, mi divido fra le mie grandi passioni sia nel lavoro che nella vita. 

 

Facebook: Simona Vitale