12 Nov

Spegneva le sigarette sulla figlia down di 6 anni del compagno, condannata "mamma" - mostro

Scritto da  |
Una donna che probabilmente non dovrebbe essere definita madre viste le atrocità a cui ha sottoposto una bimba down di 6 anni. Parliamo di Irene Reynolds, 31 anni, che era solita spegnere le sigarette sul corpicino di una bimba down di sei anni, figlia del suo compagno, provocandole poi delle bruciature con l'accendino. Tale inferno è culminato con ustioni di secondo e terzo grado per la bimba, affetta dalla sindrome di Down, mentre la donna è stata condannata a 5 anni di reclusione. Il giudice distrettuale del Montana, stato USA dove ha avuto luogo la vicenda, ha parlato di "un abuso orrendo", aggiungendo che che non riusciva a credere che la Reynolds avesse potuto compiere tali sevizie alla figlia del compagno. Solo il patteggiamento ha consentito alla donna di evitare i 10 anni di reclusione chiesti dal Dipartimento di Stato americano.
 
La 31enne ha anche ammesso, nel corso del processo, di aver tentato di coprire le azioni del suo compagno, il padre della piccola bambina, Blaine K. Startin Jr., di 44 anni. L'uomo verrà processato il prossimo 24 novembre. Fonti rivelano che la piccola piange ed urla tutte le notti. Speriamo possa presto trovare una famiglia amorevole, capace di darle serenità e protezione reali. 
 
Letto 1258 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)
Simona Vitale

Nata a Napoli nel 1982, amo la cultura, la legge e il giornalismo. Laureanda in Giurisprudenza, mi divido fra le mie grandi passioni sia nel lavoro che nella vita. 

 

Facebook: Simona Vitale