08 Gen

Sono leciti i dubbi in amore?

Scritto da  |

“Quando nasce un amore” cantava Anna Oxa al Festival di Sanremo, parlando di un qualcosa di fluido, che nasce dal cuore, senza freni, senza ostacoli, senza contrattempi.
Quell’emozione che ti travolge, ti fa sua e ti guida senza timore verso l’ignoto, verso ciò che verrà, ovvero la felicità; ci si perde uno negli occhi dell’altro, si assapora ogni battito di cuore, ogni tocco è un sussurro, ogni attesa un’agonia.
Ma se non fosse per tutti così? Se per alcuni il “colpo di fulmine” non avesse questo effetto distensivo ed estasiante?
È giusto sentirsi in colpa per provare questi sentimenti nei confronti di colui/colei con cui stiamo intraprendendo questo cammino?
Siamo “sbagliati” nell’avere paura, nell’essere timorosi e eccessivamente razionali?
Come dicevano gli antichi, la via giusta sta nel mezzo e la difficoltà sta proprio qui, riuscire a trovare quell’equilibrio perfetto che ci permetta di lasciarci andare alle nostre emozioni, senza però perdere quella lucidità che ci consente di ponderare bene ogni scelta, evitando gesti avventati.
Che il tutto sia dovuto a esperienze pregresse che ci hanno segnato? Quindi possiamo considerare il passato non chiuso, come noi invece credevamo che fosse?
È giusto farsi guidare dalla razionalità, consciamente, rischiando di tarpare le ali a qualcosa che sta nascendo, solo per un semplice ed effimera (si spera) paura?
Io purtroppo non ho la risposta giusta per questa domanda, sono la prima vittima della mia mente, astuta e subdola, che quando meno me lo aspetto insinua in me mille dubbi, mille ansie…
La nascita di un amore è qualcosa che ti sconvolge da dentro, per sgorgare in maniera esplosiva su tutto ciò che ci circonda e su chi quell’emozione te la dona.
È dunque un gesto di generosità e di rispetto quest’analisi che si fa verso se stessi o può essere inteso come un distacco nei confronti dell’altra persona?
I dubbi purtroppo limitano la nostra mente, offuscano la nostra percezione della realtà, in quanto si radicano sulle nostre insicurezze ed è proprio qui che trovano il sostegno giusto per non crollare.
Navigando un po’ in rete, nei vari forum, ho notato che questa situazione viene vissuta da molte ragazze, ovvero il ritrovarsi dopo uno, due o tre anni che si sta con qualcuno a mettere tutto in discussione; c’è chi dice che lo si fa per consolidare le certezze che si hanno, chi perché si rende conto di avere una persona del tutto differente da sé, ma con cui si ha il timore di aprirsi per paura di ferirla.
Bisogna avere coraggio per amare, per permettere a qualcuno di toccare quei tasti che forse, sono stati inattivi per troppo tempo, e quindi Donne, lottiamo come solo noi sappiamo fare.

Donne_Lottiamo_Per_Amore

Pretendiamo di essere felici, perché nonostante tutto ciò che possa averci preservato la vita, meritiamo la nostra vittoria, il nostro podio nel cuore di qualcuno.
Il passato ci ferisce, ci cambia, ci segna, ma non per questo dobbiamo permettergli di condizionare il nostro presente, perché è soltanto per mano nostra che esso continuerà ad avere effetti sgradevoli su di noi.
La felicità a volte può far paura, è vero, ma dobbiamo permettergli anche di agire su di noi, di inebriarci e di rassicurarci, di dimostrarci che la ruota sta girando, che forse quel punto di svolta che a lungo si è desiderato sta arrivando, che anche noi meritiamo come tutti qualcuno che ci ami e ci protegga.
Vi lascio con una citazione che secondo me esplica in pieno una giusta filosofia da seguire:
“E non è vero che l’amore non può avere dubbi, che non può cadere e ferirsi le ginocchia. L’amore può anche sbucciarsi, screpolarsi la pelle. Perché l’amore vive di sostanza propria e come tutto quel che è vivo può soffrire il momento. Ma sa rialzarsi, ricrearsi e rigenerarsi più forte di prima.”

 

Letto 11683 volte Ultima modifica il Martedì, 05 Febbraio 2013 11:39
Vota questo articolo
(6 Voti)
Francesca del Monaco

Neo laureata in giornalismo, ancora incerta sul mio futuro, desiderosa di tutto.

Visitare il mondo, viaggiare per un anno intero, coltivare le mie passioni, acquistare centinaia di scarpe e borse da conservare in una cabina armadio all'altezza di Carrie Bradshaw, smettere di fumare, avere una love story con una rock star, fare un corso di fotografia, imparare a cantare (per la gioia di chi assiste alle mie performance canore), tatuarmi dappertutto, scrivere un libro…

E questo è solo l’inizio della mia lunga lista.