11 Ago

Prete annulla funerali perché il defunto è gay, la triste storia di Julion Evans

Scritto da  |

Una storia triste che arriva direttamente dalla Florida. La vicenda ha visto protagonista il pastore T.W Jekins e Julion Evans, scomparso a causa di una grave malattia che lo ha stroncato all'età di 42 anni.



Il pastore in questione dopo aver letto il necrologio sul giornale scritto dal marito del defunto, decide di annullare i funerali perchè gay e dunque celebrarne "l'ultimo saluto" nella casa di Dio sarebbe stato blasfemo. Infatti, durante la telefonata il pastore Jekins, afferma "Non condanno lo stile di vita di nessuno, ma io sono un uomo di Dio, devo difendere i miei principi".

Il marito di Julion, Kendall Capers replica alle affermazioni del pastore cosi "È incredibile. Siamo nel 2014 e non possiamo avere una messa come qualsiasi altra persona". I funerali sono stati poi organizzati in altra sede, in un luogo dice Kendall in cui "lo hanno accettato".

 

Cose pensate dell'azione di questo pastore? È possibile che nel 2014 ci siano ancora cosi tanti pregidizi e ignoranza nei confronti del tema della omosessualità? In fondo non siamo tutte creature di Dio e in quanto tali dovremmo essere accettati per quel che si è? I pareri a riguardo susciteranno di certo tante polemiche. A voi la parola!

 

[foto: copertina cd Jang Senato]

 

Letto 1376 volte Ultima modifica il Martedì, 19 Agosto 2014 01:27
Vota questo articolo
(3 Voti)
Speranza Capotortora

Studentessa di Scienze del Servizio Sociale all'Univerisità Federico II, coltivo la passione de giornalismo e, in particolare, mi tengo aggiornata sul mondo femminile e su argomenti che oscillano dalla moda, al make-up, dal benessere agli accessori più trendy.

 

Facebook: Speranza Capotortora