27 Gen

Marlboro M, le sigarette alla marijuana di Philip Morris: la bufala corre in rete

Scritto da  |

Una bufala che ci ha messo davvero poco a diffondersi in rete e a rendere felici tanti internauti che hanno idee propositve e una certa apertura mentale per quel che concerne le droghe leggere. Secondo il sito che ha diffuso questa notizia falsa, Philip Morris, il più grande produttore di sigarette al mondo, avrebbe annunciato la sua unione a quello che è il filone relativo alla legalizzazione della marijuana iniziando a produrre sigarette di marijuana. Commercializzato con il marchio "Marlboro M", Morris avrebbe reso, secondo questa mega bufala, disponibili le sigarette attraverso punti vendita con licenza per lo marijuana nello stato del Colorado e in quello di Washington, in cui vendere marijuana diventerà commercialmente legale entro la fine dell'anno.

 

Serafin Norcik, vice President di Phillip Morris avrebbe detto in un'intervista che l'azienda già stava monitorando il mercato da qualche tempo, ma solo quando le recenti iniziative per la legalizzazione hanno vinto - in Colorado e a Washington - hanno finalmente deciso di fare il grande passo. La notizia fake, inoltre, continua affermando che Norcik avrebbe aggiunto di aver iniziato contattando gli ex signori della droga in Messico e Paraguay, attualmente i più grande paesi produttori di marijuana in tutto il mondo, cercando la possibilità di creare un anello di distribuzione in tutto il Nord America, per razionalizzare le linee di alimentazione.

 

Dal momento che solo i prodotti del tabacco sono attualmente vietati in pubblicità e promozioni negli Stati Uniti, Phillip Morris avrebbe, poi, anche stanziato un enorme budget di 15 miliardi dollari per promuovere il nuovo "Marlboro M" e ora stanno negoziando con i principali network ed editori, per iniziare la commercializzazione del prodotto ai consumatori all'inizio del 2015.

 

Infine, secondo l'articolo fuorviante, Norcik avrebbe anche rivelato che una grande spinta iniziale sarebbe prevista intorno a gennaio del prossimo anno, acquistando anche gran parte degli annunci pubblicitari che avranno luogo durante il Superbowl XLIX. Tuttavia, poiché la marijuana sarà legale solo in Colorado e Washington durante il Superbowl 2015, tutti gli annunci saranno oscurati in tutti gli altri Stati e mostreranno solo un logo statico "M" con il fumo che soffia sullo sfondo, per tutta la durata del annuncio.

 

Se ne inventano di tutti i colori, non trovate? Attenti alle bufale, soprattutto quelle virtuali!

 

Letto 3098 volte Ultima modifica il Lunedì, 27 Gennaio 2014 16:27
Vota questo articolo
(3 Voti)
Simona Vitale

Nata a Napoli nel 1982, amo la cultura, la legge e il giornalismo. Laureanda in Giurisprudenza, mi divido fra le mie grandi passioni sia nel lavoro che nella vita. 

 

Facebook: Simona Vitale