19 Set

L'emoticon compie 30 anni!

Scritto da  Raffaella R

L' emoticon, così chiamata dall'unione delle parole emotion e icon, venne appesa dal professore quasi per scherzo nella bacheca dell'ateneo, ma piacque talmente tanto da diffondersi rapidamente in tutto il mondo, evolvendosi nelle numerose e divertenti varianti che conosciamo oggi e che punteggiano social network e chat virtuali.

In realtà, le emoticons vennero utilizzate fin dal 1800 sopratutto nella scrittura informale e scherzosa, ma la forma digitale fu creata per la prima volta appunto dal professor Fahlman il 19 Settembre del 1982. 

A questa pagina, per i più curiosi, si trova l'intera chat session dove è stato digitato il primo smile in caratteri ASCII.

https://www.oppo.it/tabelle/tabella_ascii.htm

Il tutto ha avuto origine da una battuta, dall'idea di caratterizzare con un segno grafico, umoristico o serioso, le impersonali conversazioni che si svolgevano via pc.

 

 

Da allora le emoticons sono molto cambiate, arricchendosi di dettagli sempre più particolari e divertenti e diffondendosi in tutti i dispositivi mobili, non solo quelli collegati ad internet; oggi fanno parte del nostro modo di scrivere quotidiano: li troviamo nelle chat, negli sms e, perchè no, anche nei piccoli pro-memoria appuntati sul frigorifero di casa.

Letto 2439 volte Ultima modifica il Lunedì, 07 Gennaio 2013 15:14
Vota questo articolo
(0 Voti)