10 Nov

Violentata e incinta a 12 anni, tenta il suicidio, orrore a Castel Volturno

Scritto da  |

Storia di pedofilia e degrado che ci giunge da Castel Volturno, in provincia di Caserta, dove una ragazzina ghanese di 12 anni è stata vittima degli abusi sessuali di un uomo di 38 anni, per oltre 5 mesi. La ragazzina dopo aver scoperto di essere rimasta incinta dell'orco ha tentato di farla finita ingerendo del detersivo per pavimenti e cercando così di porre fine alla sua esistenza. Fortunatamente, il tentato suicidio non è andato a buon fine e la 12enne è ora ricoverata all'ospedale Santobono di Napoli. 

 

Il presunto pedofilo, da qualche tempo residente in maniera irregolare sul territorio italiano, è stato fermato dagli agenti del commissariato di polizia di Castel Volturno ed ora si trova nel carcere di Santa Maria Capua Vetere in attesa dell'udienza di convalida del suo arresto che avverrà presso il Tribunale locale. Le indagini sono partite in seguito alla denuncia sporta dal patrigno della ragazzina che ha ripercorso le tappe della triste vicenda della quale nessuno, nella folta comunità ghanese presente sul territorio, si era mai accorto.

 

Il 38enne ha cominciato ad avvistare la ragazzina fuori dall'istituto scolastico da lei frequentato e, fingendo di avere 24 anni, ha iniziato nei confronti della 12enne un serrato corteggiamento finché, con una scusa, l'avrebbe portata a casa sua. Gli abusi hanno avuto luogo per circa 5 mesi e la ragazzina si è sempre mostrata troppo impaurita per rivelare a madre e patrigno, con cui ha uno splendido rapporto, quello che era l'orrore che stava vivendo. Il tutto fino al giorno in cui ha scoperto di essere incinta e deciso di provare a suicidarsi. Fortunatamente è stata salvata dai suoi stessi genitori, mentre il presunto orco, identificato, è in stato di fermo.

 

Letto 2960 volte
Vota questo articolo
(4 Voti)
Simona Vitale

Nata a Napoli nel 1982, amo la cultura, la legge e il giornalismo. Laureanda in Giurisprudenza, mi divido fra le mie grandi passioni sia nel lavoro che nella vita. 

 

Facebook: Simona Vitale