Dior ha lanciato un prodotto eccezionale che viene descritto come un alleato di bellezza universale per tutte le donne, indipendentemente dalla loro età o dal tipo di pelle. Parliamo di One Essential Serum. Arricchito con estratto di ibisco rosso provenienti dai giardini di Dior in Burkina Faso, questo siero identifica il 100% delle tossine presenti nelle cellule e intensamente ri-energizza la pelle. One Essential è il 1 ° skincare quotidiano fondamentale che combatte tali tossine al fine di ripristinare la luminosità della pelle. Il prodotto è stato lanciato da pochissimi giorni e svolge un'azione tridimensionale.
 

Orange fuss, Rouge Pop Art, Brun Parnasse... ma cosa sono questi nomi? Nient'altro che alcuni dei migliaia di colori di smalto che possiamo trovare. La varietà e le tonalità sono oramai infinite: soltanto con gli smalti "terra" di Chanel  saremmo capaci di riempire tutta una stanza volendo. Per non parlare dei smalti rossi Yves Saint Laurent oppure de i blu Dior.  Scegliere quale smalto mettersi è sempre più difficile, sopratutto per le indecise come me, però la scelta si complica ancora di più quando dobbiamo partecipare a qualche evento importante, abbiamo un appuntamento o, perché no, un colloquio di lavoro. 

Per ogni situazione e look esiste il coloro giusto.  Ed è proprio questo l'argomento su cui vorrei farvi delle domande. Dato che man mano che si sta avvicinando l'estate e cominceremo, se non l'avete già fatto, a far vedere i nostri piedi favolosi magari cerchiamo di mettere più attenzione alla cura, non soltanto delle mani ma anche, appunto, dei piedi. Usciremo con le scarpe aperte piuttosto che coi sandali e chi più o chi meno mostrerà i suoi piedini con le unghie colorate (abbinate allo smalto delle mani o meno). Una tendenza che nella maggior parte dei casi piace, anche ci sono delle donne che preferiscono evitare assolutamente di metterselo. Ma in linee generale direi che colorare le unghie e farsi lo smalto, pur non facendolo ogni giorno, fa parte, bene o male, della nostra quotidianità. 

 

Smalto-abbinato-piedi-mani

 

Neppure le "celebrities" scappano a questa abitudine. 

C'è chi lo abbina al colore del vestito e chi in contrasto. Invece voi?
Cercate di abbinarlo addirittura al rossetto oppure considerate che non c'entra niente e fate un po' come vi pare? 

Ti interesserà pure: Smalti che Passione!

 

Prosegue il nostro viaggio tra i profumi per donna che hanno fatto la storia.

 

MISS DIOR (Original), Christian Dior 1947
E’ la prima fragranza della casa di moda francese Dior e deve il suo nome a un’esclamazione di Mitzah Bricard, musa dello stilista, che vedendo entrare nell’atelier la sorella minore di Christian Dior disse: “Oh, ecco Miss Dior!”. Il profumo arrivò nei negozi insieme alla linea di abbigliamento legata al concetto di New Look. Perfetta incarnazione della donna Dior, di classe ma impertinente, Miss Dior è stato reinterpretato, con una leggera variazione nelle note d’apertura, da François Demachy.
Note di testa: bergamotto, gardenia, galbano, slavia sclarea
Note di cuore: gelsomino, rosa damascena turca, neroli, narciso
Note di fondo: patchouli, muschio di quercia, cisto labdano, sandalo

 

EAU D’HERMÈS, Hermès 1951
Creata da Edmond Roudnitska, noto profumiere francese, questa fragranza concepita intorno ad un aroma speziato, evoca un odore meravigliosamente delicato: l’interno di una borsa Hermès con il suo profumo di pelle pregiata avvolta da note agrumate e spezie. Completano la piramide olfattiva le note di ambra, bergamotto, cannella, cardamomo, geranio e cumino.

 

OPIUM, Yves Saint Laurent 1977
Il profumo più rappresentativo di Yves Saint Laurent, un classico della trasgressione. Si ispira ai misteri della Cina Imperiale e nonostante le polemiche legate alla scelta del nome (oppio in latino), Opium in Francia ottenne un gran successo e nel giro di un anno venne esportato in tutto il mondo. Un invito all’ebrezza, alla spensieratezza e alla trasgressione. Un profumo esotico e seducente come la donna di Yves Saint Laurent.
Note di testa: bergamotto, mandarino
Note di cuore: chiodi di garofano, cannella, gelsomino, ylang-ylang
Note di fondo: patchouli, mirra, incenso, labdanum

 

CK ONE, Calvin Klein 1994
Un tocco fresco che interpreta perfettamente lo stile degli anni Novanta e che ha reso celebri le fragranze unisex. Il profumo venne ideato dallo stilista ispirato dai giovani dell’era grunge e dalla loro cultura politicamente impegnata interprete della parità sessuale: da queste premesse nasce l’interesse per i profumi unisex e il successo di CK One.
Note di testa: bergamotto, cardamomo, ananas, papaia
Note di cuore: violetta, noce moscata, rosa, Hédione
Note di fondo: Ambroxan, Galaxolide

 

 

J’ADORE, Christian Dior 1999
E’ il profumo più nominato e premiato dell’ultimo decennio, J’adore è l’espressione divertente che Christian Dior si lasciava sfuggire di fronte a un abito perfetto. Le linee sensuali e le curve del flacone ad anfora ne fanno un profumo leggendario: l’essenza della femminilità assoluta in un ricco bouquet fruttato e floreale.
Note di testa: edera, mandarino, champaca
Note di cuore: rosa, violetta, orchidea
Note di fondo: pruno, legno di amaranto, muschio della mora

 

Questi qui sopra elencati sono i profumi senza tempo. In un certo senso immortali per cui rischieremmo di sprecare il vocabolo “vintage” nel descriverli.
Il profumo accompagna il nostro stile e rappresenta un po’ un’icona riconducibile alla nostra personalità. Veniamo ricordate per quella fragranza che a qualcuno diventa talvolta irresistibile ed indimenticabile. Ci rimane così impresso un profumo che spesso se lo incrociamo sotto il naso ci ricollega a una persona e a correlati ricordi.
Inoltre, come dice Patrick Süskind, autore de “il profumo”:
Il profumo ha una forza di persuasione più convincente delle parole, dell'apparenza, del sentimento e della volontà. Non si può rifiutare la forza di persuasione del profumo, essa penetra in noi come l'aria che respiriamo penetra nei nostri polmoni, ci riempie, ci domina totalmente, non c'è modo di opporvisi.

 

Dior presenta Addict Eau de Toilette, il nuovo profumo estivo contenuto in una deliziosa bottiglia trasparente giallo-oro. Se siete fan delle precedenti fragranze Dior Addict, di certo amerete anche questo nuovo profumo. Disponibile a partire da questo mese di giugno, testimonial del profumo firmato Dior è la bellissima modella russa Sasha Luss.
 
Dior-Addict-Eau-de-Toilette-Sasha-Luss
 
La nuova fragranza sarà disponibile in 20, 50 e 100 ml Eau de Toilette mentre le profumazioni a disposizione per tutte voi amanti dell'Eau de Toilette della famose griffe sono:
 
Dior-Addict-Summer-2014
 
  • Top notes: Mandarin
  • Heart: Jasmine, Neroli
  • Base: Vanilla, Sandalwood

Dior-Addict-Eau-de-Toilette-2014-Ad

 
Amiche, non ci resta che correre in profumeria!
 

08 Lug

Charlize Theron

Pubblicato in Donne Famose

Charlize Theron ci ha dato un taglio. Un bel taglio netto. Ed è più bella che mai.

Infatti, lo scorso febbraio, agli Oscar, si è presentata con i capelli cortissimi, stile militare, in abito lungo bianco, scollatura mozzafiato lungo la schiena e fascino da vendere.

Nata a Benoni, in Sudafrica, il 7 agosto 1975, Charlize, trascorre l’infanzia non proprio acqua e sapone, e, a quindici anni, assiste alla morte del padre che, alcolizzato, tentava di aggredire la moglie, e proprio lei lo uccise per legittima difesa. L’anno dopo, la donna, accompagna a figlia Charlize al concorso internazionale New Model Today per giovani modelle di Positano che lo vinse. Decide quindi di trasferirsi a Milano per lavorare come modella e nel 1993 diventa famosa per la sua partecipazione ad uno spot pubblicitario della Martini, reso celebre dal suo fondoschiena.

 

 

Successivamente si trasferisce in America per diventare attrice e la consacrazione internazionale avviene nel 2004 con Monster, in cui interpreta la serial killer Aileen Wuornos. Per questo film Charlize vince l'Oscar come migliore attrice, il SAG Award e il Golden Globe: è stata la prima sudafricana a vincere un premio internazionale per la recitazione. Il critico cinematografico e sceneggiatore Roger Ebert la definì una delle più grandi performance della storia del cinema. Per questo film, si è sottoposta ad estenuanti ore di trucco, apparendo sullo schermo imbruttita ed ingrassata di 15 kg. Per questo ruolo, l'attrice guadagna 10.000.000 di dollari, cifra che resterà inalterata anche per i successivi film, e che la farà entrare nella lista delle attrici più pagate di Hollywood.

L’abbiamo vista anche testimonial del profumo J'adore di Dior; e il 30 settembre del 2005, la Theron riceve la sua stella nella Hollywood Walk of Fame.

Brava Charlize. Una bellissima donna, modella da capogiro, e una grandissima attrice.

 

Potrebbe interessarti anche: Madonna "la regina del pop"