Ti è mai capitato di avere un progetto importante, a cui tieni tantissimo, che pianifichi in ogni dettaglio, che aspettavi da una vita e che poi rimane congelato? Inspiegabilmente, si parcheggia nel tuo freezer virtuale di fianco a ghiaccioli e bastoncini di merluzzo, nonostante tutto l’entusiasmo e la passione? E allora viene da chiederti come sia potuto succedere e inizi a darti spiegazioni e motivazioni di ogni genere che, però, sai, nel tuo profondo, non stare in piedi. Ma i desideri e gli obiettivi non dovrebbero essere i motori più potenti dell’azione umana e della produttività? Quindi, perché si verifica questo congelamento?

 

In realtà, quando una cosa per noi è davvero molto importante, e la carichiamo di un certo peso emotivo, può accendere il nostro “interruttore della paura”. E così iniziamo a pensare alle terribili conseguenze di un possibile fallimento, alla delusione che ci accompagnerebbe per giorni (mesi, anni!) se non riuscissimo a raggiungere il nostro obiettivo. Una visione più paralizzante di un film horror!

 

La paura ci impedisce di iniziare il nostro progetto perché vorremmo che ogni azione fosse perfetta al 100%, condizione di fatto impossibile da realizzare. Sembra strano vero? Eppure il nostro cervello alle volte ragiona al contrario. Pur di evitarci di soffrire per un fallimento, ci impedisce di fare qualsiasi cosa. Se non fai, non fallisci e se non fallisci, non soffri. Tanto semplice quanto spaventoso. Perchè se ci facciamo sopraffare da questo ragionamento non muoviamo più un passo, incateniamo la nostra vita a un movimento inerte e involutivo.

 

Che fare quando questo accade? In realtà c’è una soluzione tanto semplice quanto efficace: suddividere il tuo grande maestoso imponente progetto in…piccoli semplici passi, che non fanno paura a nessuno! Prendi il tuo progetto e scomponilo in 3 macro sotto-obiettivi. Suddividi ognuno dei sotto-obiettivi in 3 aree di attività e dividi, a sua volta, ogni attività in 3 semplici azioni che puoi già inserire nella tua agenda e programmare per i prossimi giorni. Questo ti permetterà non solo di vedere il tuo traguardo più vicino e più semplice, ma anche di organizzare le cose da fare e le tempistiche necessarie, e questo non potrà che minimizzare ogni paura e farti acquisire sicurezza.

 

Ogni casa è fatta di mattoni, quindi se costruire l’intera casa ti fa paura, inizia a prendere i singoli mattoni e a metterli uno sull’altro: ti sembrerà di sicuro un più facile inizio. E vedrai che pian piano la casa prenderà forma e questo non potrà che renderti felice e soddisfatta.

 

Fai del 2014 un nuovo anno MIGLIORE, fai un gesto PER TE STESSA. Clicca QUI.

 

Si sa, la prima impressione è dura a morire. Negli incontri interpersonali, la prima idea che ci facciamo di una persona – ci dicono gli psicologi – si forma velocissimamente ed è estremamente resistente al cambiamento. Ma come è cambiata questa verità nell'epoca di Facebook? Spesso incontriamo gli individui prima telematicamente e poi realmente, quindi il nostro profilo su Facebook o sui vari social network, diventa il nostro biglietto da visita.

La questione più interessante da affrontare è principalmente una, che riveste però una duplice veste: la foto profilo che scegliamo quanto ci rispecchia e cosa “dice” o nasconde di noi?

Uno studio eseguito dal Department of Communication della Cornell University sottolinea la differenza fra autopercezione ed eteropercezione di accuratezza. Mentre gli intervistati ritenevano le foto del proprio profilo come molto coerenti all'effettiva immagine di sé, i giudici indipendenti in molti casi trovavano disarmonie consistenti fra le foto proposte e la realtà. Sembra quindi che l'onestà intellettuale lasci il posto ad un self-marketing accurato da parte dei fruitori dei social network, che spesso “taroccano” informazioni invece importanti per la reale comunicazione di sé, quali età, peso, altezza, colore dei capelli, discrepanze spesso create da processi fotografici come il fotoritocco, il taglio o il ricorso a fotografie professionali.

I risultati dello studio rivelano che un'altissima percentuale dei profili esaminati contiene almeno una di queste discrepanze, soprattutto in quelli femminili. Le donne infatti sembrano meno imbarazzate nel mentire a sé stesse, giustificandosi che magari quella foto sì è vero è di due anni prima, ma è comunque esistito un periodo in cui erano davvero così!

Ma cosa dicono realmente le nostre foto profilo agli altri?

Chi mette la classica la foto a mezzo busto con sorriso a 32 denti è di solito una persona con un'alta concezione di sé, spesso anche un po' monotona, sicuramente con una forte dote di narcisismo. Chi sceglie invece una foto scattata in primissimo piano, dove è quasi impossibile riconoscere la faccia della persona, è tipicamente un insicuro: della serie vorrei-ma-non-posso, è convinto di non farsi riconoscere, ma sotto sotto invece essere riconosciuto è proprio quello che vuole. Chi mette una foto di paesaggio dove appare un minuscolo puntino all'orizzonte (che dovrebbe essere il proprietario del profilo) è una persona riservata, che non ama mettersi in mostra. Poco esibizionista e talvolta anche timido, non vuole far sapere al mondo che faccia ha. Al posto dell’immagine del profilo avete un personaggio di un cartone animato? Siete persone riservate, ma con un forte senso dell’umorismo, capaci di non prendervi troppo sul serio.

 

psicologia Foto profilo facebook

 

Ma cosa pensano realmente gli altri quando vedono le nostre foto che noi così orgogliosamente pubblichiamo? Sicuramente non quello che vorremmo comunicare noi!

Pubblichiamo le foto del nostro ultimo viaggio? Nella jungla o immerso fra gli squali? Noi vorremmo dire “hey sono un super-figo, amo viaggiare e l'avventura” mentre quello che viene in mente agli altri è “che sfigato, pensa a goderti il viaggio invece di pubblicare le tue foto su Facebook”.

Abbiamo decine e decine di foto smielate accanto al nostro partner? Voi sicuramente volete gridare al mondo “guardate come siamo felici! Siamo la coppia più bella del mondo!” ma gli altri sicuramente pensano “è chiaro che lo urli al mondo! Se non ti prendeva lui rimanevi zitella a vita!”. Mettete una foto di voi da piccoli con lo scopo di dire “guardate com'ero tenero da piccolo”? In realtà gli altri pensano “Ah ecco...è quindi da grande quindi che ti sei rovinato??”.

Scherzi a parte, dalle foto che scegliamo possiamo capire tante cose della nostra personalità. E voi che foto profilo avete?

 

Potrebbe interessarti pure: Social Network, Amore e Amicizia tra finzione e realtà. 

 

Qual è il tuo profilo migliore?

Nell’era 2.0 sappiamo bene quanta importanza rivestano i social network e quanto conti avere una foto profilo d’impatto. In una superficie di pochi millimetri è contenuto il nostro moderno biglietto da visita, in formato digitale. Badoo, il più grande social network al mondo per conoscere nuove persone, ha chiesto a un vero esperto di fotografia, Fabio Boccaletti, le regole d’oro per ottenere una “profile picture” perfetta, per incuriosire e incontrare sempre nuovi amici.

Mai più senza.

  1. Mettici la faccia - Qualunque espressione si scelga ciò che conta è la centralità del viso con una sola tacita regola: si deve vedere.
  2. Mostrati come sei - Sorridenti o pensierosi, felici o arrabbiati puntate su un’espressione che caratterizzi la vostra personalità.
  3. Giochi di luce - Per chi ha lineamenti del viso irregolari è bene scattare con la luce meno diretta possibile. Una foto del viso a 3/4 può rivelarsi un valido aiuto per nascondere le imperfezioni.
  4. Effetti q.b. (quanto basta) - La fotografia può migliorare con delle semplici modifiche. Chi utilizza uno smartphone, per esempio, ha già a disposizione filtri per l’ottimizzazione delle immagini. Il mercato, poi, offre una miriade di applicazioni per divertirsi aggiungendo effetti ai propri scatti, attenzione però a non esagerare.
  5.  Illuminati - Fotografare un soggetto illuminato da più punti con una camera fissa fa la differenza.
  6. Scegli lo Sfondo giusto - Uno sfondo uniforme e opaco, anche colorato, facilita il compito e permette di distribuire meglio la luce, guidando l’attenzione sul soggetto della fotografia. Il colore può suggerire il mood dello scatto.

 

come-conquistare-con-foto-profilo

 

Da evitare: 

  1. Meglio solo che mal tagliato - Scegliere immagini in cui siete circondati da parenti e amici rende difficile distinguervi fra la folla. Optate per una foto che ritragga solo voi. Decisamente da evitare anche le foto barbaramente tagliate o che lasciano pensare che accanto a voi ci sia qualcosa di “ex”.
  2. Abbassa gli occhiali - Gli occhiali da soli sono un accessorio di moda ma indossarli in una foto è un po’ come schermarsi e celare il proprio sguardo. Date spazio all’emozione anziché nasconderla.
  3. Il buio ti è nemico - Preferite un luogo con una buona illuminazione, la scarsità di luce o l’ausilio del flash spesso non danno i risultati sperati.
  4. Mano mossa - Una foto non ferma e centrata è più fastidiosa di qualunque difetto riteniate di avere. La preimpostazione "foto sport" / "foto in movimento" può essere molto utile per attenuare di molto la problematica.
  5. Ciak si gira - Meglio non recitare a meno che non siate grandi attori. Foto viste su altri profili o nelle pubblicità possono essere uno spunto ma copiarle toglie la metà del divertimento di una fotografia.
  6. Le faccine? Solo per gli emoticon - Le labbra corrugate non fanno risaltare la figura e non sono consigliate per chi abbia già superato la fase adolescenziale.

 

“Viviamo in una società in cui l’immagine riveste grande importanza. Nei social network i primi contatti sono virtuali e la foto è uno strumento determinante per capire con chi stiamo parlando e per instaurare un legame. E’ il primo passo per entrare in contatto con una persona e avviare una nuova conoscenza che può tradursi in amicizia di lunga data, in flirt o addirittura in matrimonio! Ogni giorno su Badoo milioni di persone si guardano, si trovano, si piacciono e dalla loro foto profilo passa il legame che si affermerà in futuro” afferma Louise Thompson, Director of PR di Badoo. “Quanto più l’immagine del profilo trasmette chi siete, tanto più sarà facile incontrare persone che vi interessino davvero”.

 

Potrebbe interessarti pure: Amore e Amicizia nei Social Network