Il nuovo libro di J.K. Rowling  

Una storia dura e cinica con un linguaggio che farebbe rizzare i capelli in testa a Harry Potter. I critici si dividono sul primo romanzo per grandi della Rowling, “The casual vacancy” (Il Seggio Vacante). Il Times la paragona addirittura a Charles Dickens, il Daily Mail la stronca così: “La Rowling è passata da Potter a potty-mouth (Sboccata)”. Intanto, gli inglesi impazziscono per il nuovo libro.

Fuck, cunt, shit, piss, il nuovo romanzo della Rowling è farcito di parolacce inglesi, quelle che un anglosassone Doc si vergogna a dire e a sentire. Ma come parla, Signora Rowling? Mi chiedevo leggendo le recensioni. Pensavo fosse un semplice tentativo di non restare intrappolata per sempre nella gabbia di Harry Potter, pensavo fosse un romanzetto buttato lì mentre la Rowling giocava a fare la cattiva per stupire pubblico e critica. Non mi aspettavo nulla di che. Poi l’ho comprato. E l’ho letto in due notti, tutto, subito.

Oltre alle volgarità e scene di sesso esplicite, sono raccontate storie di abusi sessuali violenza e mariti alcolizzati. L’ombra del parricidio che percorre tutto il libro. Il titolo del libro allude al posto vacante lasciato da Barry Fairbrother, uomo per bene e impiegato del comune di Pagford. La sua scomparsa scatena una lotta tra i concittadini per prenderne il posto o per trarre vantaggio dalla sua morte.

 

 

La Rowling ci porta dentro l’inferno dell’ipocrisia, del disprezzo sociale, della corruzione e dell’abuso. Un libro che racconta la vita dei meschini cittadini di Pagford, ricchi contro poveri, adolescenti contro i genitori che preferiscono la prostituzione e le armi alla scuola, mariti e mogli armati l’uno contro l’altro. Ma quelli di Pagford siamo noi. Nel nostro mondo gli abusi domestici sono all’ordine del giorno, il bullismo è da sempre presente nelle scuole, l’alcol e le droghe bruciano cervelli di chi ancora a 40 anni e con figli a carico decide di farsi.

Tirare fuori il marcio nel sistema tramite lo scandalo è, a sentire la Rowling, il modo migliore per combatterlo. Ottimo libro. Goodbye Harry.

Altro nella categoria Libri? clicca qui


Walt Disney punta sui classici. 

Tempo di fiabe al cinema e, dopo una serie di Biancaneve che hanno dimostrato a un tempo punti di forza e di debolezza, toccherà a Cenerentola tornare sul grande schermo, ancora una volta per una produzione della Walt Disney Company.
La grande sorpresa è rappresentata dall'attrice che potrebbe consegnare all'immaginario collettivo l'immagine di una Cenerentola moderna: si parla di Emma Watson nel casting per questa nuova pellicola. L'attrice è considerata già così giovane una sorta di icona di bellezza, giovinezza e semplice eleganza, tanto da meritarsi il ruolo di testimoniale per vari brand.
Il successo della Watson è dovuto in gran parte alla saga cinematografica di Harry Potter, il maghetto nato dalla penna di J.K. Rowling, tuttavia ora l'attrice è più che mai pronta a una carriera non in secondo piano, ma da protagonista.
Il film sarà un live action ispirato alla fiaba, che racconta la fortuna di una ragazza bistrattata da matrigna e sorellastre, che alla fine troverà l'amore di un principe azzurro, il quale la riconoscerà dalla delicatezza di un suo piedino. Alla regia ci dovrebbe essere l'attore shakespeariano Kenneth Branagh e il titolo provvisorio dell'opera è semplicemente “Cinderella”. Tutto è ancora in fieri per quanto riguarda il casting, ma si parla di Cate Blanchett nel ruolo della matrigna cattiva.

 

Potrebbe interessarti pure :Goodbye Harry. Il nuovo romanzo della Rowling è "Il seggio vacante"