Lo scorso 13 gennaio si è tenuta la settantesima edizione dei Golden globe Awards, presso il Beverly Hilton Hotel, in California (sulla nostra fanpage abbiamo parlato del coming-out di Jodie Foster e della sua intenzione di dedicarsi solo alla regia). Anne Hathaway in gara per il suo ultimo film 'Les Miserables' ha optato per un abito Chanel Couture di un paio di stagioni fa, precisamente della primavera 2009. L’abito completamente “cristallizzato” era composto da un bustino senza maniche con una leggera baschina sotto la vita, e da una gonna a colonna, lunga e leggermente svasata. Il colore dell’abito era di un bianco puro, tonalità azzeccata per la sua carnagione da “biancaneve”. I gioielli, un paio di orecchini con diamante e dei bracciali poco vistosi, erano anch’essi Chanel.

 

 

Il makeup, molto naturale è stato realizzato truccando l’occhio con una semplice linea di eyeliner e lasciando le labbra nude. Sembra quasi che l’obiettivo fosse quello di mettere in evidenza il taglio pixie della giovane attrice, che rende nel complesso questo look glamour e delicato. Voi che voto dareste?

 

Grande Moda sul red carpet. 

Grandi firme per gli abiti indossati dalle star che hanno sfilato sul red carpet in onore dell’85esima edizione del premio Oscar. Dalle scelte di gran classe alle più discutibili. Il tutto contornato da acconciature e accessori di gran classe per una serata importante e di un certo calibro mondano.

Nicole Kidman, il cui volto è stato scelto per personificare la bellissima Grace Kelly nel film dedicatole, era in scintillanti paillette nere con particolari oro sulla scollatura e sulla fine della gonna a sirena by L’Wren Scott.

Jennifer Aniston in un rossissimo Valentino senza spalline con gonna svasata. Semplice ma assolutamente d’effetto.

La fiamma di Clooney Stacey Keibler indossava un vestito firmato Naeem Khan con allacciatura al collo e trasparenze sulla schiena.

La giunonica Charlize Theron ha sfilato in un bianchissimo Dior con corpetto dallo scollo a V e peplo.

La talentuosa Anne Hathaway ha preso il suo meritato premio avvolta in un lungo e lucido abito di Prada color rosa confetto con allacciatura incrociata sulla schiena.

 

abiti-star-oscar-2013

 

La neo-mamma Adele in nero con maniche trasparenti fino al gomito con particolari scintillanti by Jenny Packham vantava una linea in perfetto stile curvy senza nulla da invidiare alle altre bellissime della serata.

Naomi Watts brillante in uno pseudo cyber style nel grigio monospalla di Armani privè.

La vampira Kristen Stewart indossava un chiaro Reem Acra decorato con rose bianche e con gonna lunga dai particolari di tulle.

 

outfit-oscar-2013

 

Halle Berry mette in mostra la scollatura in un Versace scuro con righe argento, maniche lunghe e spalline acuminate.

Jennifer Garner, molto elegante, indossava un abito di Gucci dalla nuance prugna e con un particolare retro di tulle (o forse chiffon) arricciato fino allo strascico.

 

Qui la Seconda parte degli Abiti degli Oscar 2013

 

Catherine Zeta-Jones strofina le fragole sui denti per sbiancarli; 
Angelina Jolie spalma il caviale per rendere la propria pelle morbida, 
Charlize Theron, come Cleopatra, ama fare il bagno solo nel latte caldo; 
Nicole Kidman rende i capelli lucenti sciacquandoli con succo di mirtillo; 
Sandra Bullock per eliminare le borse sotto gli occhi usa la crema per le emorroidi;
 Jessica Simpson è amante della fish pedicure che consiste nel farsi mangiucchiare da dei pesciolini “Garra Rufa” le cellule morte della pelle dei piedi.


Questi sono solo alcuni dei rimedi senza troppe pretese che adoperano le belle attrici, ma facciamo una breve avanscoperta nei capricci di chi ha tanti soldi e li spende in pieno modo “vip”, tutto pur di assicurarsi un’ottima riuscita in eventi mondani davanti ai flash dei paparazzi. 
Tante celebrità sopportano anche l’idea di un prodotto voltastomaco purché possa avere risvolti eccezionali sulla loro figura. 

Voi spalmereste mai degli escrementi di usignolo sul vostro viso? Beh, Anne Hathaway, i coniugi Beckham e Tom Cruise lo fanno! Dall’idea dell’estetista Shuzuka Berstein si sfrutta questo elemento naturale per illuminare e idratare il viso, risalente a delle tecniche giapponesi, già utilizzate da geishe e attori Kabuki.

Prezzo di questo rimedio esfoliante? 210 dollari a seduta!



Sempre più eclatante il metodo di Kim Kardashian, Reene Zellweger e Jennifer Lopez che sfruttano i principi attivi derivati dalle cellule staminali di niente popò di meno che: placenta di pecora! 
Si sottopongono al trattamento di mezz’ora: si stende sul viso una crema anestetizzante. Dopo 15 minuti, dopo che l’anestetico abbia fatto effetto, si passa un derma-roller che dilata i pori e facilita la penetrazione della sostanza. Si applica la placenta di pecora e viene massaggiata per tre volte in ogni zona del viso stimolando, così la produzione di collagene. Il prodotto viene lasciato sul viso per almeno 12 ore prima di essere risciacquato. La suddetta crema ideata da due chirurghi estetici italiani (Roberto e Maurizio Viel), assicurerebbe una pelle splendente, parola di Victoria Beckham, Sienna Miller e Kate Moss che come le altre sborsano 500 sterline ogni 5 mesi.

 

 

 



Paris Hilton adora rendere la sua pelle vellutata cospargendosi di ambra grigia, già utilizzata come ingrediente base dei profumi per la sua capacità di fissare gli odori. L’ambra grigia è prestigiosa tenendo conto che è quotata 20/65 dollari al grammo. Se il nome non vi disgusta mi sembra giusto mettervi al corrente di come viene volgarmente chiamata: vomito di balena! Eh già: La sostanza viene prodotta naturalmente come secrezione biliare per difendere le mucose intestinali dei capodogli. Viene rigurgitata sotto forma di masse solide che galleggiano e arrivano sulle coste (in particolare dell’India e dell’Africa) per poi trasformarmi in preziose creme idratanti.

 

 

 


Nella nuova frontiera della stesura delle rughe, fanno capolino i veleni di vipera e d’ape. 
Penelope Cruz e Demi Moore usufruiscono della crema contenente siero di vipera che “paralizza” i muscoli facciali proprio come se fossero stati morsi dal rettile in questione. Ha un principio emolliente e nutritivo che minimizzerebbe lo sviluppo delle cosiddette “zampe di gallina”.
 L’altro prodotto anti-age è ricavato dal veleno delle api. Ne bastano poche gocce per riattivare naturalmente la produzione di collagene ed elastina per regalare un aspetto più giovane e luminoso. Una specie di botox naturale di cui si avvalgono Kate Middleton, Michelle Pfeiffer e Gwyneth Paltrow spendendo 304 dollari al grammo!
E’ una questione di esibizionismo stile VIP? O funzionano davvero? Chissà…

 

Potrebbe interessarti anche: Belle toujours con il veleno delle api

 

09 Mag

Il galà del met 2013

Pubblicato in Outfit

Quando si parla di Met non solo (per gli appassionati di Gossip girl) viene in mente i tanto contestati gradini tra Blair e Jenny Humprey ma anche una delle serate più desiderate da noi amanti della moda. I partecipanti alla festa erano tra i più volti noti del cinema, televisione e moda.

Il tema a cui i partecipanti dovevano adattarsi quest'anno era il punk e tutti in un modo o nell'altro hanno aderito a questo tema.

Iniziamo con Ambre Heard che per l'occasione ha indossato un vestito firmato Emilio Pucci. Il suo vestito a sirena sembra tutto tranne che noioso: il suo vestito tendeva a girare intorno ad un gioco di elementi quali il pizzo (che tutte sappiamo che è l'elemento che più gli uomini tendono ad apprezzare) trasparente ed un coloro rosso fuoco che le esaltava tutta la sua bellezza  questa volta, invece, la bellissima Anne Hathaway ha indossato un vestito nero firmato da Valentino che l'ha accompagnata per l'occasione al Met! Ciò che risaltava di più dello stile della Anne erano l'acconciatura dei capelli e il trucco molto marcato sulla parte superiore del viso!

 

 

A mio parere quello della bravissima attrice, che tutti noi abbiamo apprezzato per la prima volta è stato in "Il diavolo veste Prada", è stato poco adattato e per quanto io ami lo stile di Valentino (motivo per cui ho deciso di indossare il giorno della mia laurea proprio un capo della sua collezione) non rispecchiava quello che era lo stile della serata.

Passiamo alla bellissima Blake Lively che ha indossato i panni di Serena Van der Woodsen nel telefilm Gossip Girl. Io ammiro molto il suo modo di vestire come avrete notato in questo articolo, e lei ha cercato di adeguarsi alla serata riuscendoci benissimo anche se con eleganza proprio come le collezioni dell'autore che ha firmato il suo capo. Infatti il suo vestito era firmato Gucci Premiere: composto da una lunghissima coda il cui ornamento, che partiva dal basso fino a concludersi sull'alto il cui colore mutava sembrando un meccanismo ben realizzato, di piume nere. Mentre la parte alta del vestito era di un blu molto chiaro quasi glicine con orecchini lunghissimi creando una sorta di collegamento con le orecchie, quasi come un gioco, con il collo.

 

 

 

Ma la donna (che almeno per me) ha vinto il premio come miglior look era la bellissima Carrie di Sex and the City cioè Sarah Jessica Parker. Il suo outfit era firmato Giles, con la parte di sotto gonfia e con uno spacco che metteva in risalto i decoltè a punte nere il cui colore richiamava il colore delle piume che decoravano l'accessorio indossato dalla bellissima attrice. Il suo vestito era un mix di colori: marrone, nero e bianco!

 

Potrebbe interessarti anche: New York fashion week 2012-2013

 

Il 24 febbraio 2013, presso il Dolby Theatre di Los Angeles, si è celebrata la 85ma edizione dell’attesissima e rinomata cerimonia per la consegna dell’Academy Award meglio conosciuto come premio Oscar. Rivelazione è stata la conduzione di Seth McFarlane famoso creatore di alcune serie animate, tra cui “I Griffin”, che con la sua simpatia è riuscito a eseguire una brillante presentazione di uno show di grande rilievo.
Durante lo spettacolo è stato commemorato il decimo anniversario dalla premiazione come miglior film del musical “Chicago” con una straordinaria performance di Catherine Zeta-Jones. Successivamente il pubblico ha avuto il piacere di poter assistere ad un’altra fantastica esibizione tratta dal film-musical recentemente uscito nelle sale “Les Misérables” e ad un grande live di Adele con la sua “Skyfall”: sicuramente è stata, quest’anno, una cerimonia ricca di musica.
Il premio come miglior film è stato conteso da grandi pellicole tra cui: Argo di Ben Affleck; Django Unchained di Quentin Tarantino; Il lato positivo di David O. Russell; Lincoln di Steven Spielberg; Les Misérables di Tom Hooper; Re della terra selvaggia di Benh Zeitlin; Vita di Pi di Ang Lee; Zero Dark Thirty di Kathryn Bigelow e Amour di Michael Haneke.

Vincitore è stato il film di Ben Affleck che narra eventi realmente accaduti a Teheran in seguito alla rivoluzione iraniana del 1979 e la cui vittoria è stata annunciata dalla First Lady Michelle Obama in collegamento speciale dalla Casa Bianca.

 


Il premio come migliore regia è stato consegnato ad Ang Lee regista di Vita di Pi storia di un ragazzo indiano che attraversa l’Oceano Pacifico imbattendosi in numerose avventure.
Miglior attore protagonista è stato Daniel Day-Lewis in “Lincoln” mentre come miglior attrice protagonista è stata riconosciuta Jennifer Lawrence nel film “Il lato positivo”.
Meritatissimo premio come attrice non protagonista è stato quello di Anne Hathaway per “Les Misérables” e come attore non protagonista abbiamo Christoph Waltz in “Django Unchained”.

 


Numerosi sono gli altri premi assegnati nel corso della serata e tra questi importanti riconoscimenti possiamo nominare sicuramente quello attribuito a Ribelle-The brave della Walt Disney come miglior film d’animazione oppure l’Oscar come migliore canzone a Skyfall di Adele che può, con la sua giovane età, vantare già numerosi premi come un Oscar, dei Grammy e un Golden Globe.
L’Oscar è un premio che nasce nel 1929 ed è indubbiamente uno dei più importanti e antichi premi che si possano ricevere ed è questa una cerimonia divenuta ormai una ricorrenza che i più celebri personaggi dello spettacolo aspettano con ansia così come i suoi spettatori.

 

Potrebbe interessarti anche: Gli abiti degli Oscar 2013