Come vuole la tradizione nostrana, per il capodanno, ci si attiene ad alcuni gesti di buon auspicio per l’anno nuovo.

Per chi non è scaramantico e non ci pensa minimamente a inzuppare le mani nella scodella delle lenticchie per la speranzosa entrata di denaro, si può sempre rispettare il rito dell’indumento rosso che oramai più che rito scaramantico è diventato un must di fine anno. Sfoggiamo l’intimo dal tono vermiglio nelle sue più svariate nuance. Trionfo di pizzi e merletti; cotone, lycra e microfibra; tessuti ricercati e con ricami particolari che rendono d’impatto il risultato finale. Veniamo attirate dalle vetrine dei negozi di lingerie che dedicano addirittura intere collezioni per soddisfare le esigenze di ogni donna: dalla più semplice alla più aggressiva.

Ma vi siete mai chieste il perché del colore rosso? Questo vecchio costume portafortuna affonda le radici addirittura nelle civiltà arcaiche:

Nell’antica Cina, secondo una profetica leggenda, si usa il colore rosso per spaventare il Nìan (la bestia che mangia gli uomini) e allontanarlo dalle future ere.

Ai tempi di Ottaviano Augusto, invece, gli uomini e le donne usavano vesti di colore rosso perché rappresentanti del potere, della forza, del cuore e della fertilità.

Indossare, quindi, indumenti rossi è di buon auspicio. Favorisce la prosperità e fa scudo alle energie negative. La notte di San Silvestro, oltre al programmare e rispettare i buoni propositi, ci si veste di rubino per dare un caloroso e fausto benvenuto al nuovo anno.

Non bisogna necessariamente infilarsi nel tubino, nel maglioncino o nella gonna a tinta unita tantomeno mettersi su il completino intimo rosso se siete portate più per la dinamicità di quello nero. Si può essere rappresentativi con una bella spilla, una manicure, un fiore tra i capelli, un accessorio che risalti e che sia del propizio tono scarlatto.

Un piccolo dettaglio per condire l’anno nuovo con un pizzico di fortuna in più.

Manca poco più di una settimana all’inizio di un nuovo anno. Un 2013 che si apre con la notizia che da tanto aspettavo e che adesso diventa realtà: dopo anni di collaborazioni con grandi designer e collezioni cheap and chic limited edition, la famosa azienda svedese lancia: 

 

"& Other Stories”, etichetta di fascia più alta rispetto a H&M ma sempre e comunque low cost.

 

Si tratta di una vera e propria catena di negozi indipendente e separata da H&M, che propone una linea deluxe con scarpe, borse e abiti destinati a una donna che ha uno stile personale ben definito e cerca capi e accessori sofisticati a prezzi rigorosamente low. E costruisce il suo guardaroba partendo da quello che appassiona ogni donna: le scarpe.

  

La collezione dovrebbe partire dal lancio in primavera estate 2013, ed è accompagnata da un video teaser e da diversi eventi per farsi conoscere. A differenza dei negozi del marchio come Cos e H&M il nuovo brand sarà esclusivamente dedicato alla donna. ”& Other Stories is about bringing everything she can wear into one place, focusing on the whole look” è il mantra dei designer di Parigi e Stoccolma che stanno lavorando al progetto. “We believe shoes, bags, jewellery, lingerie and beauty are key for styling and just as important as clothing.”

 

Sarà quindi un viaggio a 360 gradi nella moda donna, dagli abiti alle scarpe al trucco: uno store completo e su misura per chi, come me, ha grandi sogni e pochi soldi. Tutto è pensato per ispirare storie fashion (e da qui il nome) interpretando stili diversi per donne diverse: dal maschile rivisitato, all’hippy chic, fino al grunge e al superfemminile. Non ci resta che aspettare il lancio della nuova catena nei Paesi selezionati (e c’è anche l’e-commerce!) e intanto, vi linko il video:

 

{youtube}ly09SyWnGDg{/youtube} 

 

 

Il 2012 volge al termine e come ogni anno ci troviamo a fare un bilancio degli avvenimenti che hanno caratterizzato quest'anno appena trascorso. Noi lo facciamo servendoci del social network (o più precisamente microblogging) protagonista del 2012: Twitter, efficace strumento per capire in tempo reale le tendenze del mondo.

 

Sicuramente l'evento dell'anno è stato la rielezione di Barack Obama, che il 6 novembre ha ha annunciato la vittoria sullo sfidante Mitt Romney con questa romantica foto, retwittata più di 800mila volte (record della storia di Twitter).

 

4 ANNI ANCORA

 

Il personaggio rivelazione musicale di questo 2012 è stato sicuramente il rapper coreano PSY che con il video della canzone "Gangnam Style" ha battuto tutti i record di visualizzazioni di YouTube superando da pochissimo il Miliardo di visite!!!

 

PSY, BALLA PER ME, IMMEDIATAMENTE.

 

Tra i personaggi che hanno fatto il loro ingresso su twitter nel 2012 merita sicuramente una menzione speciale Benedetto XVI. Il Papa ha inviato il suo primo tweet il 12/12/12, ma già nelle settimane precedenti l'hashtag #faiunadomandaalpapa ha dominato i trend-topic (argomenti più discussi) italiani.

 

 

Il secondo tweet più retwettato del 2012 ha una storia triste: E' una dedica di Justin Bieber per una sua giovanissima fan, Avalanna Routh, morta a 6 anni per una malattia al cervello. Oltre 220 mila retweet per questo ricordo.

 

RIPOSA IN PACE AVALANNA. TI AMO

 

L'evento dell'anno è stato sicuramente l'Olimpiade di Londra che ha visto a commento delle gare oltre 150 milioni di tweet. La capitale britannica, unica città ad aver organizzato i giochi olimpici per 3 volte, ha portato fortuna agli atleti britannici che si sono classificati al terzo posto del medagliere finale. 

 

29 ORI, 17 ARGENTI, 19 BRONZI. ABBIAMO CONCLUSO TERZI NEL MEDAGLIERE DELLE OLIMPIADI PIU' DI SUCCESSO DA 104 ANNI

 

Altro evento sportivo che ha catalizzato l'interesse del mondo è il campionato europeo di calcio, conclusosi con la vittoria della Spagna contro l'Italia per 4-0. Andreas Iniesta, simbolo della nazionale spagnola, ha dedicato questa foto a tutti i tifosi iberici, ricevendo più di 7000 retweet.

 

GRANDE! QUESTO E' INCREDIBILE! QUESTO è PER TUTTI VOI, VE LO MERITATE!

 

Gli ultimi giorni di ottobre sono stati giorni difficili per New York, e parte dell'America, alle prese con il potente uragano Sandy che ha provocato 63 miliardi di dollari di danni e fatto saltare collegamenti elettrici e telefonici, mobilitando gli aiuti della comunità internazionale.

 

MONTAGNE RUSSE AL MARE

 

In questo 2012 ci ha lasciati, in seguito ad annegamento dovuto ad una overdose di droga e farmaci, Whitney Houston, artista dalla voce unica, capace di vendere oltre 200 milioni di dischi nella sua carriera. Ecco il tweet di un suo fan che ha ricevuto quasi 200 mila retweet.

 

RIPOSA IN PACE WHITNEY HOUSTON. RETWEETTA PER RISPETTO

 

E se ti va di vedere i nostri tweet clicca qui