26 Nov

L'arte della felicità, un tocco di poesia per il cartoon che ha stregato al festival di Venezia

Scritto da  |

Finalmente al cinema è giunto un atteso film d'animazione tutto realizzato in Italia, precisamente made in Napoli. Decisamente acclamato al festival del cinema di Venezia, parliamo de L'arte della felicità, unico film ad essere stato selezionato per la nomination Animazione dall’International Festival of Film of India. Questo lungometraggio in cartoon è stato realizzato per la regia di Alessandro Rak, già elogiato da coloro che in anteprima hanno potuto vedere il film.

 
Questo lungometraggio si interroga sulla vita e sulla morte, finendo dunque per eludere quella che è la normale leggerezza dei film di animazione. Il protagonista è un tassista decisamente malinconico che all'interno della sua auto vede sfilare ricordi, speranze, rimpianti, ma anche nuove occasioni. Il tutto offerto dai passeggeri che incontra fugacemente sul suo taxi. Sullo sfondo una Napoli degradata, dal cielo plumbeo mentre fuori infuria la tempesta.
 
Quella che sembra un'apocalisse personale diviene quella di una città, Napoli, a tratti definita anche iperrealista. Spiega Rak, napoletano classe 1977:
 
Si parte da quello che si ha: la propria terra, le proprie esperienze, le aspettative dei parenti e degli amici per raccontare il dilemma di una vita: se sia più nobile stipare nell’anima suggestioni e fantasmi di un’esistenza in città oppure armarsi contro un mare di sensazioni e interromperle raccontandole”.
 
Il film rappresenta dunque una sorta di viaggio introspettivo che porterà il protagonista a lasciare Napoli per raggiungere le montagne innevate del Tibet. La colonna sonora è firmata da artisti napoletani del calibro di 24 Grana, Foja e Joe Barbieri.
 
Ecco di seguito il preview del cartoon:
 
 

Letto 2748 volte Ultima modifica il Martedì, 26 Novembre 2013 12:12
Vota questo articolo
(3 Voti)
Simona Vitale

Nata a Napoli nel 1982, amo la cultura, la legge e il giornalismo. Laureanda in Giurisprudenza, mi divido fra le mie grandi passioni sia nel lavoro che nella vita. 

 

Facebook: Simona Vitale