Una recente indagine promossa dal giornale inglese “The Guardian" ha messo in luce la notizia per la quale il giovani maschi giapponesi preferirebbero il sesso virtuale a quello reale. In realtà, però, il fenomeno riguarda non solo i paesi orientali ma anche l'Italia. Sembra proprio che tradire sul web sia un modo nuovo per trasgredire e provare delle emozioni diverse. Anche le donne preferiscono le chat erotiche e si eccitano con le parole, mentre i maschietti sembrano provare maggiore eccitazione visiva dinanzi ad una webcam.

 

Fare sesso con una persona sconosciuta sul web rappresenta anche un modo per concretizzare le proprie fantasie, sebbene anche altri fattori debbano essere presi in considerazione. Tra questi la curiosità, la solitudine, il desiderio di appagamento o semplicemente una piccola evasione dalla quotidianità del proprio stabile rapporto sentimentale.

 

Fare sesso virtuale non è illegale, ovviamente qualora tutti i soggetti coinvolti siano maggiorenni. Inoltre, poiché spesso ci si approccia tra sconosciuti è necessario tutelare la propria privacy e bisogna anche evitare di dare delle informazioni che possono mettere in pericolo, come il rivelare i propri dati personali. 

 

Ed inoltre fate in modo che il vostro "peccato virtuale" mai rasenti o si trasformi in ossessione.