11 Feb

La ricetta dell'amore per San Valentino

Scritto da  |

Nella settimana dell’amore, cari lettori, vi propongo piccoli ma preziosi suggerimenti per dare più sapore alla vostra vita di coppia.

Quando nella vita quotidiana noia e abitudine subentrano, imponendosi prepotentemente sia in lui che in lei, arriva il momento di arricchire e rimescolare il calderone della vostra relazione.

Il primo e fondamentale ingrediente dell’amore è la passione, una fiamma che, si sa, bisogna rinnovare. Nel giorno di San Valentino regalatevi la passione, regalatevi le vostre passioni. Coinvolgete il vostro o la vostra partner in ciò che più amate fare. Non servono particolari abilità, bensì fantasia. Che suoniate, dipingiate o siate dediti all’arte dei fornelli, lasciatevi ispirare e condurre dall’Eros, fatevi trascinare dall'estasi della vista, dell’udito, dell’olfatto e del gusto. La musica, l'arte e la cucina  vi faranno riscoprire la coppia e rinvigoriranno i vostri sentimenti.

 

Per un miglior risultato aggiungete del gioco. Giocando, infatti, liberiamo la parte del bambino che c'è in noi, il fanciullo che risiede nella nostra anima, la parte più spontanea, la più libera di noi offuscata dalle responsabilità e dalla difficoltà incontrate tutti i giorni.  

 

Anche qui fate largo all’immaginazione e all’improvvisazione che cattureranno il vostro amante inducendolo in un vortice di emozioni. Scegliete le sfumature che più fanno al vostro caso per realizzare il vostro gioco erotico. I cultori dell’arte, una volta scelta la location, potrebbero stendere sul pavimento un ampio lenzuolo bianco, intingersi senza veli di colori e amarsi; per i più golosi il banco e la farina possono diventare rispettivamente l’unguento e il letto dell’amore; e per chi non sa rinunciare all’atmosfera che solo la musica sa regalare, suonare in due lo stesso strumento può produrre effetti e suoni diversi rispetto a quelli a cui solitamente si presta ascolto.

 

E, infine, non trascurate mai una buona dose di romanticismo. L’amore va coltivato tutti i giorni, in quelli di luce e in quelli di ombra, in quelli belli e in quelli brutti. Frugate nel cassetto della vostra memoria, cercate cosa possa compiacere il vostro amato o la vostra amata, che sia un gesto, una parola, un oggetto, un’emozione  gli/le riveleranno che per lui/lei ci siete sempre stati.

Una storia a due comporta costanza e impegno, dedizione, e forza d'animo. Nello sconforto , nella resa, unite a uno a uno ogni frammento della vostra storia in un collage di immagini, fotografie, racchiudeteli in un album o proiettateli direttamente con le giuste luci e colonne magari nel luogo cui ha avuto inizio la vostra unione: vi rivedrete in quello che eravate e in quello che siete, comprendendo quanto strada insieme avete fatto e le ragioni per continuare a sostenere il vostro rapporto dopo tutto questo tempo.

Vi aiuterà a capire l’importanza che avete l’uno per l’altra e a mettere da parte eventuali ripensamenti o rimpianti.

 

 

Letto 1272 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)
Grazia Spano

Nasce nel capoluogo siciliano il 24 Febbraio del 1983, si laurea presso la facoltà di Scienze Politiche di Palermo indirizzo Studi giuridici comunitari internazionali. Attraverso la partecipazione a convegni e meeting poi ha da sempre sostenuto attivamente in collaborazione con Amnesty International la promozione dell'abolizione delle torture ,delle mutilazioni genitali femminili , e di ogni altra forma di violazione dei diritti umani dedicando la sua prima tesi allo stupro come arma di guerra, come crimine internazionale. Parla italiano , inglese, francese e russo e la sua passione è la scrittura.Tra i suoi contributi,inoltre un trattato di sociologia della devianza "BDSM vite al confine" frutto dell'osservazione e dell'impegno nella ricerca nell'ambito del fenomeno dell'erotismo estremo.

Sito web: www.facebook.com/grazia.spano.104