07 Mar

"Se non fai sesso a 14 anni sei una sfigata", i dati dell'inchiesta choc sulle giovanissime

Scritto da  |

I tempi sono decisamente cambiati e anche il sesso è ormai argomento del giorno per le 14enni moderne. Una vera e propria ossessione: fare sesso dovunque e con chiunque per essere accettate dal gruppo e diventarne parte integrante. Questo è ciò che è emerso da un'inchiesta condotta da Il Fatto Quotidiano (con la firma di Beatrice Borromeo). Ne vien fuori che il rapporto sessuale è una sorta di status necessario per l'inserimento nella "società."

 
Le ragazzine che arrivano al secondo anno di scuola superiore senza aver mai fatto sesso sembrano essere considerate delle vere e proprie sfigate. Come racconta la Borromeo, le studentesse si incontrano dinanzi alla scuola annunciando: "Mi hanno stappata". Tale frase identifica le ragazzine che hanno consumato il loro primo rapporto sessuale. Una delle giovanissime ha raccontato che in prima liceo solo 3-4 ragazze non sono più vergini. Dunque, ne segue poi che:
 
"La regola è che bisogna liberarsene entro l'anno successivo. Per questo, a fine estate, ci sono un sacco di noi che vanno col primo che passa giusto per non sforare i tempiperché a settembre si fa il bilancio".

 

Racconta una giovanissima di nome Chiara:

 

"Se esci con un ragazzo per un paio di settimane, è normale masturbarlo almeno. Sì, lo racconti in classe, ma non è una gran notizia: nessuno si stupisce". Non si diventa popolari nemmeno per il sesso orale: "Le mie amiche lo fanno spesso nei bagni delle discoteche, il sabato sera. Poi ci ridono su: 'Tanto ero ubriaca', dicono".

 

La cosa sconvolgente è che il giorno dopo le ragazzine spesso non si ricordano neppure con chi hanno fatto sesso, raccontando di aver avuto un rapporto solo per diventare grandi. 

 

Letto 2134 volte Ultima modifica il Giovedì, 06 Marzo 2014 23:04
Vota questo articolo
(1 Vota)
Simona Vitale

Nata a Napoli nel 1982, amo la cultura, la legge e il giornalismo. Laureanda in Giurisprudenza, mi divido fra le mie grandi passioni sia nel lavoro che nella vita. 

 

Facebook: Simona Vitale