05 Gen

Gli uomini guardano spesso video porno? Scopriamo il perché

Scritto da  |

Se spesso sembrano essere per lo più adolescenti a guardare film o video porno in rete e non solo, la realtà è decisamente più complessa. Ragazzi fidanzati, padri di famiglia o anche uomini anziani in genere dedicano una piccola parte della loro giornata alla visione di sesso veicolato per lo più attraverso supporti multimediali.

 

I film o video porno sembrano essere davvero in grado di stimolare fantasie sessuali e di rendere reali, almeno in video, tutte quelle fantasie e trasgressioni che non sono presenti nei loro normali rapporti sessuali con mogli o fidanzate. Parliamo di un distacco da quelli che sono i classici tabù sul sesso che la società moralista in genere impone. Tuttavia, bisogna dapprima capire se guardare materiale pornografico rappresenti davvero una sorta di volontà di trasgredire o una vera e propria ossessione che rappresenta la base di un profondo disturbo sessuale.

 

Secondo una ricerca condotta da un gruppo di studiosi dell’Université de Picardie Jules Verne di Amiens, il maschio è spinto all’eccitazione sessuale dai neuroni specchio, ovvero da cellule nervose che si attivano quando due o più persone compiono un’azione, che è in questo caso sessuale, o quando il soggetto stesso lo metto in atto. Da questo studio si evince che la zona del cervello responsabile dell’eccitazione è il pars opercularis, nell’area di Broca, dove risiedono anche i neuroni a specchio.

 

Ci chiediamo spesso anche il perché un uomo che abbia una bella fidanzata si ecciti nel vedere un'altra donna, magari anche meno sexy della sua compagna. Per l'uomo si tratta di un meccanismo alla cui base c'è un meccanismo che conduce all’eccitamento determinato dal fatto di avere a portata di mano un corpo nuovo, da osservare senza però possedere e che rappresenta per questo un fatto eccitante e stimolante.

 

Se l'uomo è continuamente sottoposto a stimoli sessuali possono verificarsi due fenomeni: iper eccitazione e impotenza. Il problema, in entrambi i casi, in genere si pone sia per l'uomo ma anche per la partner proprio perché il maschio è scisso tra il rapporto reale e il bombardamento di immagini al limite dell'osceno. I ritmi frenetici del lavoro o anche del rapporto con il proprio partner, fa dimenticare al maschio l’importanza dei preliminari e lo scoprire il piacere fisico e mentale che scaturisce dal “viversi” il corpo dell’altra persona ma senza per questo accelerare i tempi. 

 

Insomma, amici maschietti, riscoprire il piacere di vivere la riscoperta del corpo della vostra donna. 

 

Letto 41596 volte
Vota questo articolo
(2 Voti)
Simona Vitale

Nata a Napoli nel 1982, amo la cultura, la legge e il giornalismo. Laureanda in Giurisprudenza, mi divido fra le mie grandi passioni sia nel lavoro che nella vita. 

 

Facebook: Simona Vitale